“L’ipotesi è che ci sia stato un vantaggio patrimoniale nell’operare con condotte omissive”. A dirlo è il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano che, dopo aver coordinato le indagini sull’incidente ferroviario di Pioltello chiuse ieri, oggi ha fatto il punto sull’inchiesta insieme ai rappresentanti di Polizia e Polfer e al collega Leonardo Lesti. “Uno dei profili di colpa più rilevanti – ha raccontato il sostituto procuratore Lesti – è che nonostante le segnalazioni degli operai la sostituzione del giunto era stata programmata per una data ampiamente successiva a quando poi si ruppe”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gerusalemme, intitolata una quercia al giudice che indagò su di Portella della Ginestra

next
Articolo Successivo

Luca Sacchi, il padre: “Droga? Era all’oscuro di tutto. Ragazzo pulito, forse si fidava troppo. Anastasia era come figlia, spero non c’entri”

next