Alzi la mano chi ha provato a cimentarsi con il cubo di Rubik e ne è uscito sconfitto. Online ormai abbonda il materiale, anche video, che spiega come fare. Xiaomi ha la soluzione più intuitiva, non solo per risolverlo: il Mi Rubik Cube. Potemmo definire il suo prodotto un cubo di Rubik smart, e per la sua realizzazione l’azienda cinese ha proposto una campagna di finanziamento su Mi Mall, il sito di crowdfunding appositamente pensato per le sue creazioni. La quotazione in fase di crowdunding è di 79 yuan, circa 10 euro al cambio attuale: un prezzo stracciato pensando a tutte le funzionalità che offre.

Rispetto al modello inventato nel 1974 dallo scultore e professore di architettura ungherese Ernő Rubik, quello di Xiaomi è dotato di alcune funzionalità intelligenti. Sotto il profilo del design i rettangoli hanno un aspetto lievemente più concavo rispetto al normale cubo di Rubik. Il motivo è che sfruttano il posizionamento magnetico, e all’interno hanno una struttura che non si blocca.

L’aspetto più spettacolare del Mi Rubik Cube è che beneficia di un sistema di rilevamento a sei assi che aiuta a catturare automaticamente ogni rotazione e cambio di colore. All’interno del cubo c’è una batteria a bottone sostituibile a bassa potenza, che può durare fino a un anno e consente l’accoppiamento all’app per un tempo massimo di 1 ora al giorno.

Dato che comunica via Bluetooth con lo smartphone, può effettuare una sincronizzazione dei dati in tempo reale. Per la comunicazione è indispensabile installare l’app dedicata, che dovrebbe essere compatibile sia con Android sia con iOS. L’app può calcolare il processo migliore per risolvere il cubo, quindi guidare gli utenti passo dopo passo. In caso di errore, l’app riprogramma il percorso per risolvere comunque il cubo. Un po’ come il navigatore satellitare che ricalcola la strada se il guidatore sbaglia una svolta. L’app prevede 9 diversi livelli di gioco con vari gradi di difficoltà, in modo da allenare sempre di più il pensiero spaziale e le abilità dell’utente. Non solo: l’app registra il tempo impiegato per risolvere il cubo, il numero di passaggi e la velocità dall’inizio della rotazione al completamento della soluzione.

Si più anche collegare il Mi Rubik Cube all’app MIJIA e farlo comunicare con qualsiasi gadget della smart home, sempre tramite Bluetooth. Una volta attivata l’app, si potranno controllare i dispositivi di domotica semplicemente ruotando il cubo di Rubik.

Molti danno per scontato che il My Rubik Cube sarà presto disponibile fuori dalla Cina. Non resta che attendere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook sviluppa la tecnologia per rendere le persone in video irriconoscibili dai sistemi di riconoscimento facciale

next
Articolo Successivo

Internet, 50 anni fa la nascita della rete: dal primo collegamento (fallito) ai social network. La mail numero 1? Ci vollero 2 anni

next