“Professor Draghi, caro Mario, come cittadino europeo desidero dirti grazie”. Sergio Mattarella si è concesso uno strappo ai consueti toni formali da presidente della Repubblica nel suo intervento alla cerimonia a Francoforte per la conclusione del mandato di Mario Draghi al vertice della Bce. Secondo il capo dello Stato grazie all’ex governatore della Banca d’Italia, l’Europa è “più solida e inclusiva” e nel suo lavoro di presidente della Bce ha dimostrato un “coraggio razionale“.

Per il Mattarella tale coraggio è stato “razionale” perché sempre “sostenuto dall’analisi e dagli approfondimenti che venivano dall’Istituzione stessa, dal Consiglio nella sua collegialità; in un contesto che è, per sua natura, caratterizzato da incertezza nelle reazioni dei singoli e dei mercati. Coraggio associato alla capacità di ascoltare il dissenso, le voci critiche ma anche di valorizzare il contributo di chi sa sfidare visioni consolidate”.

Secondo il presidente della Repubblica il mandato di Draghi avrebbe garantito sopravvivenza alla stessa moneta unica: “Nel 2011 l’impatto della crisi finanziaria imponeva all’unione e alla Banca, in primo luogo, un cambio di passo. La sfida infatti era presto divenuta esistenziale: sconfiggere la percezione della possibilità, se non del rischio, di dissoluzione dello stesso eurosistema. Una possibilità, e un rischio, che oggi possiamo considerare sconfitti”:

In questo quadro, ha continuato Mattarella, “l’architettura complessiva della moneta unica si è irrobustita, si sono opportunamente rafforzate le regole comuni relative ai bilanci pubblici, si è creato il Meccanismo di Stabilità, si è posto mano al sistema bancario, con la sorveglianza unica, impostando, al contempo, sia il Meccanismo di Risoluzione delle crisi bancarie sia una salvaguardia al livello europeo dei depositi sebbene resti ancora da completare un loro sistema comune di assicurazione”. Ecco perché Draghi, in questi otto anni, è stato autorevolmente “al servizio di un’Europa più solida e più inclusiva, interpretando la difesa della moneta unica come una battaglia da condurre con determinazione contro le forze che ne volevano la dissoluzione”. Per Mattarella “oggi possiamo dire che il sistema” economico europeo “è più solido“, ha sottolineato riferendosi a occupazione, sistema bancario, integrazione fra gli Stati membri, “sostegno popolare all’euro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, Tusk: “I 27 Paesi Ue hanno accettato il rinvio fino al 31 gennaio 2020”. Ma Johnson punta alle elezioni il 12 dicembre

next
Articolo Successivo

Bce, Lagarde saluta Mario Draghi e cita la canzone “Anthem” di Leonard Cohen: “Visto che entrambi amiamo la musica…”

next