I giornalisti di Qn, Il Giorno, il Resto del Carlino e Q.net sciopereranno per due giorni domenica 27 e lunedì 28 ottobre. “Si tratta di una decisione irrevocabile“, spiegano per una nota le rappresentanze sindacali, “dopo la presentazione del piano di riorganizzazione aziendale illustrato ieri a Bologna ai Cdr del Gruppo Poligrafici Editoriale (Il Giorno, Qn, il Resto del Carlino, La Nazione e Q.net), piano che segue giornate devastanti e di estrema difficoltà a seguito del varo della nuova grafica e della soppressione del Qs“, il quotidiano sportivo del gruppo. “Da oggi in poi – annunciano i giornalisti – saremo impegnati nel pubblicizzare la malagestione delle nostre storiche testate in tutta Italia con assemblee e comunicati stampa, fino a quando dalla Poligrafici Editoriale, gestita dal presidente degli editori della Fieg Andrea Riffeser Monti, non arriveranno idee e progetti all’altezza della storia delle nostre testate, del nostro lavoro e del rispetto dei nostri lettori”.

Il piano di riorganizzazione appena presentato – spiega il comitato di redazione – “prevede dal primo gennaio 2020 la richiesta di un contratto di solidarietà spropositato: 48 giorni all’anno concentrati in sei mesi”. “Il piano, che prevede 112 esuberi su 283 redattori, potrebbe essere affiancato dall’accorpamento di edizioni e dalla chiusura di redazioni, oltre alla trasformazione dei colleghi della redazione di Roma in articoli 2“. La rappresentanza sindacale si dice “molto preoccupata per come viene gestita l’Azienda e per le ricadute di queste decisioni scellerate sui nostri giornali, senza proporre ai tavoli sindacali progetti alternativi ad esempio di sviluppo dei portali internet e dell’informazione digitale. Dai manager del Gruppo continuano ad arrivare solo poche idee e molto confuse per tagliare i nostri stipendi”.

Il presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti Paolo Perucchini ha chiesto una mobilitazione generale e permanente della categoria a sostegno dei colleghi.
“Andrea Riffeser Monti, presidente anche della Federazione Italiana Editori Giornali, oggi ha lanciato il suo guanto di sfida: il sindacato dei giornalisti non può che ribattere immediatamente a questa provocazione con un’iniziativa di protesta di livello nazionale“, ha concluso Perucchini sottolineando anche “l’impatto su corrispondenti, collaboratori e fotoreporter cioè i precari del nostro settore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Torna il Riformista e pare il patto del Nazareno: ci scriveranno Bergamini e Boschi. L’editore sarà Romeo. “La linea? Siamo per abolire il carcere”

next
Articolo Successivo

Editoria, “l’agenzia Askanews licenzia 23 giornalisti. Abete scarica sui lavoratori il peso di scelte gestionali discutibili”

next