Un’immagine “hot” postata, forse per sbaglio, nella chat con i genitori dei bambini che riceveranno la comunione e la cresima nei prossimi mesi sono costate l’allontanamento dalla parrocchia a un sacerdote di 73 anni. Tra lo sconcerto delle catechiste, nonché di mamme e papà, il prete, 73 anni, a fine settembre ha inoltrato su Whatsapp le foto hard e a nulla sono valse le scuse. Nonostante sulla vicenda sia stato imposto il più assoluto riserbo – come racconta il Corriere della Sera – alla fine la faccenda è diventata di pubblico dominio, screenshot dopo screenshot.

Così la Diocesi di Padova ha fatto sapere che “appena appreso il fatto” e “in attesa di valutare le esatte circostanze dell’accaduto e di eventuali ulteriori provvedimenti da attuare nei confronti del sacerdote”, il vescovo Claudio Cipolla “ha provveduto immediatamente ad allontanarlo dalla parrocchia dove prestava servizio” e “da qualsiasi altro ambito pastorale, a tutela della serenità delle persone coinvolte e di tutta la comunità”.

L’anziano religioso, insomma, è stato rimosso dal proprio incarico – quello di collaboratore del parroco della chiesa – dopo la “disavventura”. La chat era stata creata dallo stesso prete e da due catechiste. Fino a quando, una sera di settembre, tra messaggini riguardanti appuntamenti e informazioni di servizio non è comparsa la foto “hot” assai personale del sacerdote. Dopo le proteste dei genitori – come racconta il Corriere – il prelato ha provato a scusarsi e dicendo che la condivisione della foto era frutto di un hackeraggio del cellulare. Una spiegazione che non è stata giudicata convincente dalla Diocesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sinodo sull’Amazzonia, due rivoluzioni al vaglio dei vescovi: gli uomini sposati ordinati preti e un ministero per le donne

next
Articolo Successivo

Roma, la Corte dei Conti indaga sul manager M5s Brinchi che si è alzato lo stipendio di quasi 30mila euro all’anno

next