Un’immagine “hot” postata, forse per sbaglio, nella chat con i genitori dei bambini che riceveranno la comunione e la cresima nei prossimi mesi sono costate l’allontanamento dalla parrocchia a un sacerdote di 73 anni. Tra lo sconcerto delle catechiste, nonché di mamme e papà, il prete, 73 anni, a fine settembre ha inoltrato su Whatsapp le foto hard e a nulla sono valse le scuse. Nonostante sulla vicenda sia stato imposto il più assoluto riserbo – come racconta il Corriere della Sera – alla fine la faccenda è diventata di pubblico dominio, screenshot dopo screenshot.

Così la Diocesi di Padova ha fatto sapere che “appena appreso il fatto” e “in attesa di valutare le esatte circostanze dell’accaduto e di eventuali ulteriori provvedimenti da attuare nei confronti del sacerdote”, il vescovo Claudio Cipolla “ha provveduto immediatamente ad allontanarlo dalla parrocchia dove prestava servizio” e “da qualsiasi altro ambito pastorale, a tutela della serenità delle persone coinvolte e di tutta la comunità”.

L’anziano religioso, insomma, è stato rimosso dal proprio incarico – quello di collaboratore del parroco della chiesa – dopo la “disavventura”. La chat era stata creata dallo stesso prete e da due catechiste. Fino a quando, una sera di settembre, tra messaggini riguardanti appuntamenti e informazioni di servizio non è comparsa la foto “hot” assai personale del sacerdote. Dopo le proteste dei genitori – come racconta il Corriere – il prelato ha provato a scusarsi e dicendo che la condivisione della foto era frutto di un hackeraggio del cellulare. Una spiegazione che non è stata giudicata convincente dalla Diocesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sinodo sull’Amazzonia, due rivoluzioni al vaglio dei vescovi: gli uomini sposati ordinati preti e un ministero per le donne

prev
Articolo Successivo

Roma, la Corte dei Conti indaga sul manager M5s Brinchi che si è alzato lo stipendio di quasi 30mila euro all’anno

next