Un clochard italiano è stato trovato morto questa mattina nel parcheggio dell’aeroporto di Linate, legato mani e piedi con un filo di ferro. Si chiamava Davide Baruffini e aveva 42 anni. Indagano gli agenti della Questura di Milano: si ipotizza omicidio o un gesto volontario. L’uomo, che aveva una gamba rotta, è stato trovato nel parcheggio multipiano P2 dello scalo milanese e gli agenti della Polaria stanno ricostruendo la sua vita per capire le cause della morte. Informata anche la sezione omicidi della Squadra Mobile. L’aeroporto di Linate è chiuso da questa estate per ristrutturazione e riaprirà il 26 ottobre, così come il parcheggio.

L’uomo era entrato in contatto con i Servizi Sociali del Comune di Milano nel 2015 ma fino al 2017 aveva sempre rifiutato di dormire in una struttura. Lo ha aveva fatto nel 2017, una sola volta, poi se ne era andato e non aveva più contattato i Servizi. Dormiva nei pressi dello scalo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forze armate: vent’anni di donne militari. Brave ma sempre ‘femmine’ sono. No?

next
Articolo Successivo

Palermo, auto contro albero: morti due giovani di 16 e 17 anni. Un terzo ragazzo è gravissimo. Arrestato il conducente di 20 anni

next