Violenti scontri nella notte a Santiago tra manifestanti e polizia. Nella capitale del Cile è esploso il malcontento della popolazione dopo una serie di misure approvate dal governo e ritenute ingiuste (l’ultima, in ordine, l’aumento del costo dei biglietti del trasporto pubblico). Nelle immagini, la guerriglia iniziata ieri e andata avanti tutta la notte. Le persone scese in strada denunciano: “Le forze dell’ordine hanno sparato sui manifestanti“. Al momento, è arrivata la notizia di tre persone morte a causa di un incendio all’interno di un supermercato.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cile, a Santiago tornano carri armati e coprifuoco. Tre morti negli scontri

next
Articolo Successivo

Il 15 ottobre è stata la Giornata del lavarsi le mani. Ma la rivoluzione ‘igienica’ deve essere un’altra

next