Rottura e nessun accordo nel vertice a Palazzo Chigi tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e i vertici aziendali di Whirlpool. L’azienda non intende fare alcuna marcia indietro rispetto all’intenzione di cedere la sede di Napoli, mentre l’esecutivo ritiene “fondamentale che ci sia un impegno diretto di Whirpool”. A rivendicare l’esito negativo del vertice è stato lo stesso ministro Patuanelli, precisando come dall’azienda non sia arrivato alcun segnale di apertura: “Se Whirlpool continua ad avere un atteggiamento di scelte unilaterali, anche il governo farà le sue scelte unilaterali“. Quali? “Siccome è evidente che questa è una crisi industriale che deve essere trattata dal governo, assieme al governo decideremo nei prossimi giorni i prossimi passi. Ritengo che sia giusto coinvolgere tutte le componenti del governo”, ha tagliato corto il ministro. E ancora: “L’azienda continua a proporre una cessione di ramo di azienda verso l’ignoto. Mi pare surreale sedersi al tavolo con il presidente del Consiglio con la stesa posizione di tre settimane fa al Mise”. Eppure, secondo il governo, la disponibilità dell’esecutivo c’era per una mediazione: “Se il problema è il prodotto che ha difficoltà di mercato il governo propone di cambiare tipo di prodotto, fascia di gamma, su questo c’è la massima disponibilità del governo a dare il massimo supporto possibile all’azienda. Ci sono molti strumenti che il governo può mettere in campo per una riconversione di prodotto non di azienda”. Per poi concludere: “Questa vicenda è esemplificativa di situazioni che non vogliamo che si ripetano con atteggiamenti predatori non accettabili
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata vittime sul lavoro, nel 2019 già 700 morti. Mattarella: “Sicurezza è priorità sociale”

prev
Articolo Successivo

Whirlpool Napoli, l’azienda: “Chiudiamo lo stabilimento il 1° novembre”. Operai bloccano l’autostrada: “Avanti con la lotta”

next