E’ stata aggredita e stuprata da un suo paziente per tre ore, l’assicurazione non la risarcisce perché “il diritto all’indennizzo” per quello che viene definito “un sinistro” risulta prescritto. Tre anni dopo quella violenza subita nell’ambulatorio notturno della guardia medica, la dottoressa Serafina Strano, 54 anni, è tornata al lavoro e si batte perché ci sia una maggiore sicurezza per chi lavora negli ospedali. Finora, denuncia, con scarsi risultati e un’ultima beffa: è stata respinta la sua richiesta di risarcimento. “Vivo ogni giorno un profondo senso di ingiustizia“, ha dichiarato all’agenzia Adnkronos. “Paradossalmente il mio aggressore è in carcere tutelato dallo Stato e io sono sola. Devo combattere ogni giorno”.

La compagnia assicurativa ha equiparato la violenza sessuale a un sinistro: “Le comunichiamo, in relazione al suo sinistro – scrive il liquidatore – che non possiamo effettuare alcun pagamento poiché il diritto all’indennizzo risulta prescritto”. La dottoressa non ci sta e punta il dito contro l’azienda sanitaria da cui dipende: “Si tratta di una polizza per infortuni stipulata dall’Azienda sanitaria provinciale (Asp) di Catania per ogni medico della guardia medica. La pratica era stata aperta d’ufficio dall’Azienda subito dopo la mia violenza, ma da allora nessuno si è preoccupato di darmi notizie. Dall’ufficio legale non hanno fatto nulla e ora mi dicono che la documentazione avrei dovuto inviarla io”.

La dottoressa Strano ora è pronta a fare causa all’Asp di Catania: “Fino adesso ho aspettato”, ha continuato, “ma dopo quanto è successo con l’assicurazione forse non lo farò più. Sono stata invitata a far parte di un Comitato. Ho ricevuto fiumi di parole di solidarietà e vicinanza, ma nei fatti?”. Inutili sono stati anche gli appelli fatti agli esponenti delle istituzioni e del governo. E ha concluso: “Non dovevo arrivare a fare tutte queste cose da sola. Sono tornata in servizio in un posto dove mi hanno ricollocata e dove sostanzialmente faccio la tappabuchi malpagata. L’Asp mi ha sempre fatto la guerra, la storia dell’indennizzo è solo l’ultima presa in giro in ordine di tempo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carcere, Antigone e 4 garanti contro l’Inps: “Anche i detenuti che lavorano hanno diritto all’indennità di disoccupazione”

prev
Articolo Successivo

Emergency, 7mila parti nel centro maternità afghano: “Nato per salvare vite, diventato luogo di formazione ed emancipazione delle donne”

next