Simone Biles ha segnato un nuovo record ed è entrata così nella storia della ginnastica artistica. L’atleta statunitense, di 22 anni, con le ultime due vittorie alla trave e al corpo libero ai mondiali di Stoccarda, ha portato il suo bottino di ori a 19, per un totale di 25 medaglie vinte nella sua carriera iridata. Battuto così il record per numero di medaglie conquistate che fino al mese scorso deteneva ancora il bielorusso Vitaly Scherbo che tra il 1991 al 1996 ne aveva totalizzate 23.

A Stoccarda la Biles sale sul gradino più alto del podio vincendo alla trave davanti alle due atlete cinesi Liu Tingting e Li Shijia. E qualche ora dopo arriva anche l’oro alla finale al corpo libero battendo la connazionale Sunisa Lee e la russa Angelina Melnikova. La sua è una carriera da record: è l’unica ginnasta a vincere cinque titoli mondiali (Anversa 2013, Nanning 2014, Glasgow 2015, Doha 2018 e Stoccarda 2019). Ed è anche la prima ginnasta statunitense ad aver vinto un oro olimpico al volteggio: alle ultime Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016 ha conquistato 4 ori e un bronzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Guerra in Siria, i calciatori turchi festeggiano la vittoria con il saluto militare pro Erdogan

prev
Articolo Successivo

Italia agli Europei, il “Rinascimento” per ora è solo marketing: adesso l’obiettivo più difficile, avvicinare le grandi

next