Maxi blitz in tutta Italia dei carabinieri del comando provinciale di Catania contro Cosa Nostra. Le manette sono scattate per 32 persone: l’accusa è, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi. Le indagini, coordinate dalla Procura di Catania e dalla Direzione distrettuale antimafia, hanno consentito di fare luce sulla struttura interna della famiglia catanese Santapaola-Ercolano affiliata a Cosa Nostra. Emerge il modello di potere tradizionale di Cosa Nostra: la famiglia era gestita da figure verticistiche con ruoli di responsabilità ben definiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimini, guerra tra clan per il controllo del territorio: dieci arresti. Il procuratore di Bologna: “Gruppo camorristico”

next
Articolo Successivo

Mafia, arrestati il figlio del boss di Mazara e un amministratore giudiziario: “Si è appropriato di soldi sequestrati che aveva in gestione”

next