“Giuseppe Conte si è impegnato con Mike Pompeo sul rispetto degli accordi presi sull’acquisto di 90 aerei F35″. Un retroscena del Corriere della Sera agita le acque in casa Movimento Cinque Stelle, perché da sempre gli aerei da guerra sono materia delicata in casa pentastellata. Così la ricostruzione del quotidiano di via Solferino riguardo il colloquio tra il premier e il segretario di Stato Usa sulla possibilità di via libera a una spesa prevista di circa 14 miliardi – con un “ritorno” parziale per l’industria italiana che produce le ali dei velivoli – starebbe provocando malumori tra gli eletti.

In ambienti parlamentari M5S ha destato “stupore” e un “certo malessere”, secondo quanto riporta l’Adnkronos, la conferma di Conte al capo della diplomazia statunitense circa l’intenzione dell’esecutivo di rispettare gli impegni assunti sull’acquisto dei jet militari. E nelle ore successive è il senatore Gianluca Ferrara, capogruppo pentastellato in commissione Esteri, a criticare: “Il M5s – afferma – ha sempre criticato questo programma militare. Un progetto insostenibile che molti Paesi, Usa compresi, hanno già tagliato. Una rinegoziazione è doverosa anche da parte dell’Italia. Confidiamo nel fatto che il nostro presidente del Consiglio farà la scelta giusta”. E in serata fonti di Palazzo Chigi fanno sapere che il premier, in realtà, è “d’accordo” sulla necessità di rinegoziare.

Il Movimento 5 Stelle, ricordava Ferrara, “ha sempre criticato questo programma militare che, così com’è, ci indebiterebbe per almeno 50 miliardi di euro nei prossimi quarant’anni”. Mentre, sottolinea, un ridimensionamento degli acquisti “consentirebbe di liberare miliardi di euro da investire in scuole, ospedali e trasporti pubblici”. “I cittadini ci chiedono questo, non bombardieri strategici con capacità nucleare.

Secondo il retroscena del Corriere, durante la cena di giovedì organizzata a Villa Taverna con imprenditori e banchieri gli americani avrebbero confermato pubblicamente la “soddisfazione” per l’impegno assunto da Conte. Già le mosse del precedente governo M5s-Lega, in realtà, erano parzialmente andati in questa direzione. E il dossier era passate proprio nelle mani di Conte.

Adesso il tema sarebbe riemerso nel corso del bilaterale. Perché se da un lato l’Italia ha insistito sulla necessità di evitare che i nuovi dazi Usa penalizzino prodotti tipici come il parmigiano e l’olio d’oliva, secondo il Corriere, Pompeo avrebbe ricordato a Conte che anche Roma ha impegni da rispettare. Quindi Conte avrebbe confermato la volontà di dare seguito all’acquisto degli F35. Due giorni dopo, racconta il Corriere, durante l’incontro a cena in ambasciata tra Pompeo e i rappresentanti di industria e finanza italiana si sarebbe parlato del buon esito dei colloqui sui jet da guerra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Taglio parlamentari, la vigilia. Di Maio: “Mi aspetto sì trasversale”. Meloni: “Ci attaccano, ma Fdi da sempre a favore. Pd che farà?”

next
Articolo Successivo

Centrodestra: vertice tra Berlusconi, Salvini e Meloni. “Più coordinamento in Parlamento e spirito unitario in vista di prossime elezioni”

next