Nel corso del suo Congresso in corso a Bari (3-6 ottobre,a questo link il programma completo del Congresso), Associazione Luca Coscioni ha organizzato un assaggio di riso geneticamente migliorato con la tecnologia Crispr. Una disobbedienza civile che ha visto tra i protagonisti Marco Cappato e Marco Perduca, dirigenti Associazione Luca Coscioni e coordinatori di Science for Democracy e la genetista italiana Vittoria Brambilla.

Il 25 luglio del 2018 la Corte di giustizia dell’Unione europea ha stabilito che le piante ottenute con tecniche di coltura di precisione, come quelle prodotte con le tecniche CRISPR, sono classificate come OGM e soggette alle leggi derivate dalla Direttiva europea del 2001 sugli organismi geneticamente modificati. I partecipanti credono che la sentenza della Corte sia incoerente con la realtà dei fatti, considerato che piante ottenute con tecniche meno precise non sono classificate e regolate come gli OGM.

“Si tratta della terza dimostrazione pubblica in Italia sul tema del Genome editing vegetale organizzato dall’Associazione per chiedere all’Italia di individuare dei campi dove sperimentare apertamente alcune colture attualmente in studio in laboratorio in diverse Universita’ che non son mai state testate sul terreno, dichiarano Cappato e Perduca, dirigenti Associazione Luca Coscioni.

“Oltre che alla ministra Bellanova e al ministro Fioramonti, l’azione è anche in sostegno alla raccolta firme dell’iniziativa Grow Scientific Progress lanciata in estate da un gruppo di giovani ricercatori europei che chiede di esonerare la tecnologia Crispr dalla direttiva europea sugli Ogm del 2001 che, a seguito di una sentenza della Corte europea di giustizia, regolamenta questa nuova tecnologia inventata nel 2012”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Wwf, al via “Urban Nature”: più di 50 città pronte a promuovere la biodiversità in città

prev
Articolo Successivo

Torino, sul Po i volontari che ripuliscono il fiume dai rifiuti: “Cambiare la situazione a partire da quello che accade intorno a noi”

next