“Noi non abbiamo mai voluto e non vogliamo vendetta, ma giustizia. Deve arrivare un segnale. Non bisogna mai avere paura di niente”. A rivendicarlo Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, dopo le richieste di condanna formulate dal pm Giovanni Musarò nel processo in corso a Roma nell’aula bunker di Rebibbia a carico di cinque carabinieri accusati a vario titolo del pestaggio e della morte di Stefano Cucchi. “Oggi sono profondamente emozionata, è un momento che non immaginavo sarebbe mai arrivato”, ha continuato. Per poi rivendicare: “Abbiamo fatto per anni un processo al morto, a Stefano. Oggi per noi è il giorno del riscatto, si dice finalmente che quella vita valeva qualcosa“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reggio Calabria, bancarotta Multiservizi: otto arresti, indagato anche ex sindaco Scopelliti

next
Articolo Successivo

Consip, il complotto contro i Renzi non esisteva: prosciolti i carabinieri Scafarto e Sessa. Cinque a giudizio: anche Lotti

next