Un documento da sottoscrive entro martedì “con un impegno preciso sul quadro e sui tempi” e la volontà di “definire l’avvio della nuova legge elettorale entro la fine dell’anno“. Al termine del vertice dei capigruppo della maggioranza di Camera e Senato, il democratico Graziano Derio presenta i termine dell’accordo raggiunto sulle riforme che dovranno accompagnare il taglio dei parlamentari. Tutte le parti parlando di “incontro positivo“, come ha voluto sottolineare anche il ministro M5s per Rapporti con il Parlamento e le Riforme, Federico D’Incà, presente al vertice: “La maggioranza si dimostra compatta sul voto del taglio dei parlamentari che avverrà la settimana prossima”.

Il ddl che toglierà 345 tra deputati e senatori è in arrivo alla Camera il 7 ottobre. I Cinquestelle, in primis Luigi Di Maio, lo hanno da sempre definito uno dei punti cardine del nuovo governo e il primo vero test di fedeltà. Il Pd dal canto suo ha fin da subito chiarito la sua volontà di approvare il taglio, ma accompagnandolo a una serie di riforme costituzionali necessarie per bilanciare la riduzione del numero di eletti. La riunione dei capigruppo di oggi ha definito l’accordo.

“Martedì ci sarà un documento con impegno preciso da parte di tutte le forze di maggioranza, compreso l’avvio di una legge elettorale entro l’anno, in modo che siano chiari tutti i contrappesi“, ha spiegato Delrio al termine del vertice. Al capogruppo alla Camera del Pd ha fatto eco Federico Fornaro di Leu: “Ci sarà l’avvio di un percorso con gli adeguati contrappesi” al taglio dei parlamentari. Delrio ha sottolineato: “Bene anche l’avvio delle modifiche al regolamento. Il timing si sta rispettando”. Per poi specificare che nella riunione si è concordato sul fatto di presentare al Senato una serie di emendamenti: “C’è un accordo totale per uniformare l’elettorato attivo e passivo di Camera e Senato e abbiamo un accordo sostanziale per ridefinire la base territoriale di elezione del Senato. Da qui a martedì, comunque, elencheremo una serie di punti precisi“, ha concluso.

“L’incontro è stato molto positivo ed è proseguito il confronto sui temi già inseriti nell’accordo di programma. Vi è un’intesa comune a lavorare in tempi brevi sulla legge elettorale e ad apportare le modifiche costituzionali più urgenti entro il mese di ottobre, oltre a porre in essere un calendario di verifica su una seconda parte di riforme che dovrebbero essere completate entro dicembre”, ha spiegato il ministro Cinquestelle D’Incà. “È stata data molta importanza alle modifiche per adeguare i regolamenti vigenti di Camera e Senato al numero ridotto dei parlamentari”, ha poi aggiunto il titolare dei Rapporti con il Parlamento e le Riforme.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Usa, il lapsus di Di Maio in conferenza stampa con Mike Pompeo: “Lo ribadisco alla presenza del segretario Ross…”

next
Articolo Successivo

Sanità, Conte: “Interventi su ticket non sono in agenda domattina. Arco di tempo più ampio”

next