Il quotidiano La Stampa sciopera il 3 e il 4 ottobre: lo ha deciso ieri il Comitato di Redazione al termine di una lunga assemblea. La testata diretta da Maurizio Molinari non sarà in edicola e la versione online non verrà aggiornata.”I tagli già attuati dall’azienda negli ultimi mesi mettono pesantemente a rischio la qualità del giornale”, ha affermato il cdr, che in particolare critica “il mancato rispetto da parte dell’azienda dell’accordo firmato nel 2018 che prevedeva un’assunzione ogni tre uscite”. Questo succede, aggiunge il comitato di redazione,”nonostante le reiterate richieste e la proposta di soluzioni alternative mirate comunque a tutelare l’accordo stesso, garantire i livelli occupazionali e soprattutto salvaguardare la qualità del giornale”.

“La Stampa domani e venerdì non sarà in edicola e il sito web non verrà aggiornato – si legge ancora nel comunicato -. Il motivo dello sciopero è l’indisponibilità dell’azienda a rispettare l’accordo sindacale che riguarda gli organici del corpo redazionale, già ridotto ai minimi termini. Un’intransigenza che giunge, nonostante la mediazione del Direttore, dopo un anno di sacrifici che rischiano di penalizzare la qualità dell’informazione, che portiamo ai nostri lettori da oltre 150 anni. La Stampa tornerà in edicola sabato. Ci scusiamo con i lettori per il disagio”, conclude la redazione del quotidiano torinese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, un po’ servizio pubblico un po’ tv commerciale. Le due anime convivono ma quanto durerà?

prev
Articolo Successivo

Classifica mondiale Facebook Top Newspapers, Il Fatto Quotidiano è al primo posto in Italia e dodicesimo al mondo

next