In Italia un milione e ducentomila persone soffrono di demenza. “Non si tratta solo di Alzheimer o di persone anziane” racconta la dottoressa Francesca Morganti dell’Università di Bergamo che ha curato il progetto Come diventare Dementia Friendly presentato in questi giorni al MEETmeTONIGHT di Milano. La sfida è quella di aiutare malati, famiglie e istituzioni a comprendere che c’è ancora una vita da vivere, nonostante la patologia. “Lo facciamo attraverso un percorso di realtà virtuale facendo vivere alle persone l’esperienza di una persona malata per sensibilizzare le persone a curarsi degli altri. Ognuno di noi deve fare un passo avanti per diventare più inclusivi verso chi soffre a causa di questa malattia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Africa, morire per ustioni perché mancano le strutture. Così tre italiani hanno creato Lifebox

next
Articolo Successivo

Migranti, sei anni fa la tragedia del 3 ottobre: Lampedusa ricorda e guarda al futuro con oltre 200 studenti da tutta Europa

next