Stava svolgendo con i compagni di classe la classica corsa di riscaldamento durante la sua ora di educazione fisica, quando uno studente 17enne dell’Istituto Iiss Pacinotti di Taranto è improvvisamente caduto a terra. Un arresto cardiaco. Il ragazzo è stato salvato dall’intervento del professore di scienze motorie, Mauro Alessano, che ha subito iniziato il massaggio cardiaco, proseguito poi per nove minuti, fino all’arrivo del 118. A quel punto il medico e i due infermieri hanno defibrillato e stabilizzato lo studente, che è stato trasporto in ospedale e si è svegliato senza esiti neurologici.

“L’insegnamento del Primo Soccorso nella scuola salva la vita. Quello che è accaduto oggi a Taranto è di straordinaria importanza perché ci dà ragione: imparare a scuola il Primo Soccorso significa ridurre le morti evitabili“, commenta Mario Balzanelli, direttore della centrale operativa-Sistema 118 di Taranto e presidente della Società italiana sistema 118. “Il professor Alessano, che ogni anno promuove questi corsi nel suo istituto e a cui partecipa è la dimostrazione che per realizzare una scuola realmente cardioprotetta, le competenze rianimatorie di base, che includono il massaggio cardiaco e la defibrillazione precoce semiautomatica, devono essere quanto prima trasferite nella scuola italiana”. “È urgente – conclude Balzanelli – addestrare i docenti su questa efficacissima competenza rianimatoria salvavita, priorità assoluta su cui sollecitare il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, Fioramonti annuncia 67 milioni per sicurezza edifici: “Emergenza esiste, ora task force con enti locali per velocizzare appalti”

prev
Articolo Successivo

Rosa Maria Dell’Aria, la sospensione della prof dopo 4 mesi è ancora lì. La viceministra Ascani al provveditore: “Provvedimento da revocare”

next