La tassa del 2% sui prelievi in contanti è l’ultima trovata dei cervelloni della Confindustria, apprezzata subito da giornalisti e politici amici delle banche ma bocciata da ogni persona competente. Vedi in particolare i commenti di Vincenzo Visco o Dario Stevanato su Il Fatto Quotidiano.

Poiché però la discussione non si cheterà facilmente, vale la pena chiarire alcune cose. Per cominciare, è falso che solo in paesi quali la Grecia o l’Albania i contanti siano diffusi come in Italia. Anche in Austria o Germania grosso modo il 75-80% degli acquisti avviene in contanti, ma per non dispiacere alle banche in Italia nessuno lo riferisce. Ugualmente, è tenuto nascosto che la banca centrale tedesca (Bundesbank) non attacca mai i contanti, ma al contrario organizza convegni scientifici sul tema (Bargeldsymposium), dove il loro utilizzo viene difeso da esperti della massima autorevolezza. Un esempio fra i tanti: Udo Di Fabio, già presidente della Corte Costituzionale tedesca.

È pure falso che vi sia un rapporto stretto fra uso dei contanti e illegalità. Anzi, come osserva Doris Schneeberger della Banca centrale europea: “Non c’è nessuna correlazione statisticamente dimostrabile fra criminalità e uso del contante o anche fra la dimensione dell’economia sommersa e il contante”.

Ma soprattutto merita citare i diversi vantaggi di pagare in contanti, regolarmente taciuti da un giornalismo che al 99% è appiattito sugli interessi delle banche.

1. Non costa nulla, perché né banche né società di pagamenti elettronici raschiano via commissioni.

2. È sempre possibile e immediato, anche senza corrente elettrica, accesso a Internet e apparecchiature elettroniche.

3. Non taglia fuori i bambini o altre persone prive di conto in banca, immigrati ma anche italiani.

4. Non permette il tracciamento delle abitudini di consumo.

5. Garantisce la riservatezza anche per regali, beneficenza, elemosine ecc.

6. Prelevare contanti e poi pagare con essi dà senso della spesa e della disponibilità residua.

Ma da dove partono gli attacchi alle banconote? Dalle banche, perché i pagamenti in contanti sono i soli da cui esse non riescono a trarre nessun profitto, né diretto né indiretto. Così hanno inventato la lotta al contante, battezzandola War-On-Cash perché l’uso dell’inglese nobilita le trovate più bislacche. Hanno poi aggiunto il No-Cash-Day e il No-Cash-Trip, ovvero il giorno e il viaggio senza contanti, iniziative strampalate accolte però con obbedienti applausi. Chi andasse a proporle in Germania, Austria o Svizzera verrebbe preso per un mentecatto.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, la politica capricciosa di Trump rischia di farci entrare in una gravissima crisi globale

next
Articolo Successivo

Antitrust avvia procedimento su Telepass: “Discriminazione dei consumatori che intendono pagare con conti correnti esteri”

next