Il Tribunale dell’Unione Europea (Tue) ha annullato la multa da 33,6 milioni di euro decisa dalla Commissione Europea alla banca Hsbc per aver partecipato ad un accordo illegale di manipolazione dei tassi di riferimento come l’Euribor, ritenendo “insufficiente” la giustificazione fornita dalle autorità comunitarie. Nella sentenza, il tribunale lussemburghese conferma ampiamente la dichiarazione dell’esecutivo comunitario secondo cui Hsbc ha posto in essere una pratica contraria alle regole di concorrenza. Tuttavia, ha annullato l’ammenda in quanto la motivazione era “insufficiente”. La sanzione, resa pubblica a Bruxelles nel dicembre 2016, aveva coinvolto anche Crédit Agricole e Jp Morgan. Complessivamente, le tre multe valevano 485 milioni di euro.

Il faro di Bruxelles si era acceso su sette banche, accusate di aver siglato un’intesa tra il settembre 2005 e il maggio 2008 relativa al tasso Euribor. Ma Barclays, Deutsche Bank, Rbs e Société Générale avevano accettato di risolvere il contenzioso seguendo le indicazioni della Commissione. Per le altre tre (Hsbc, Credit Agricole e JPMorgan Chase), che si erano rifiutate, erano arrivate le sanzioni. Nella decisione odierna, la Corte Ue ha ritenuto che la Commissione abbia erroneamente qualificato come infrazione due discussioni, nel corso delle quali gli operatori di Hsbc avevano scambiato informazioni sulle loro posizioni di negoziazione con altri operatori di altri istituti. Inoltre, i giudici di Lussemburgo hanno ritenuto che, nel calcolare il valore della multa, la Commissione non abbia fornito una spiegazione sufficiente dei motivi per i quali il coefficiente di riduzione – cioè il calcolo su cui si basa l’importo della sanzione – era stato fissato al livello preciso del 98,849%, e di non essere quindi in grado di “svolgere il proprio controllo su un elemento della decisione che può aver inciso in modo significativo sull’ammenda inflitta a Hsbc”. Pertanto, l’ammenda è stata annullata per “insufficienza di motivazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crescita, Ocse taglia le stime: “Le prospettive mondiali continuano a peggiorare. Servono più investimenti pubblici”

prev
Articolo Successivo

Mps, confermata dalla Cassazione la sanzione Consob per il caso dei titoli Casaforte

next