Saranno domenica 26 gennaio le elezioni regionali in Emilia Romagna. Lo ha annunciato la Regione, dopo l’incontro tra il presidente Stefano Bonaccini e il presidente della Corte d’Appello di Bologna Giuseppe Colonna. Su richiesta del primo, dunque, le elezioni saranno fra quattro mesi: il presidente Colonna ha convenuto sulla proposta di Bonaccini che, nel rispetto dei tempi fissati dalle leggi, “muove dalla necessità di consentire alla Regione di predisporre e approvare la legge di bilancio 2020-2022, assicurando in tal modo la piena funzionalità dell’ente ed evitando l’esercizio provvisorio che, al contrario, ne limiterebbe l’operatività, anche rispetto alle misure rivolte alla società regionale”. Bisognerà, invece, attendere ancora qualche giorno per il decreto di convocazione dei comizi elettorali, così come previsto dalle norme.

La decisione è stata contestata dalla probabile candidata presidente del centrodestra Lucia Borgonzoni: “Anche in Emilia Romagna, purtroppo, i giochi di palazzo hanno la precedenza rispetto agli interessi dei cittadini – dice la parlamentare della Lega – Altro che legge di bilancio, quella di Bonaccini è solo una scusa: da parte sua e della sinistra nessun rispetto per gli elettori, tenuti in ostaggio per fare inciuci. Avevamo proposto il voto a novembre, naturale scadenza della legislatura, ma hanno fatto di tutto per restare attaccati alle poltrone ancora un paio di mesi: un insulto per i cittadini e il territorio, che da anni attendono risposte”. Risponde Andrea De Maria, deputato emiliano del Pd: “Prima degli interessi elettorali delle diverse forze politiche devono venire la Regione e i cittadini. Votando il 26 gennaio non ci sarà bisogno dell’esercizio provvisorio ed il Governo regionale riprenderà la sua attività dopo il voto con un bilancio pienamente operativo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Giuseppe Conte interviene alla festa di Fratelli d’Italia. Segui la diretta

prev
Articolo Successivo

Ebola, Medici senza frontiere contro l’OMS: “I vaccini ci sono ma ne viene limitato l’uso. Non c’è trasparenza nelle forniture”

next