Il lavoro svolto con calma non può essere sanzionato. È quanto ha stabilito il tribunale di Treviso che ha respinto il ricorso di Electrolux accogliendo invece le ragioni di un’operaia dello stabilimento di Susegana, multata perché giudicata troppo lenta sul lavoro. La multinazionale degli elettrodomestici, nella primavera 2018, aveva accusato la propria dipendente di aver svolto con troppa calma il suo lavoro nella linea di montaggio, causando la perdita di alcuni pezzi prodotti, e l’aveva multata perché considerata “negligente”.

La donna aveva fatto ricorso contro la sanzione e ora i giudici le hanno dato ragione, giudicandola illegittima: la lavoratrice ha dimostrato infatti che non c’era l’intento di rallentare la produzione, ma tutto era dipeso dalla sua poca esperienza in quel settore di produzione. Ora la multinazionale dovrà risarcire le spese legali alla propria dipendente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina, in Appello ridotta la condanna per l’ex deputato Pd Genovese: sei anni e otto mesi

next
Articolo Successivo

Inchiesta Bloody Money, la procura di Napoli chiede l’archiviazione dei giornalisti di Fanpage.it e dell’infiltrato

next