Era in un gruppo appena fermato in mare e riportate indietro, in Libia. Una volta a Tripoli ha provato a fuggire: i “uomini armati” (“armed men”, si legge nel comunicato) hanno aperto il fuoco e lo hanno ucciso. E’ morto così un migrante sudanese, come riporta l’Organizzazione internazionale per le migrazioni che era presente con il proprio staff sul luogo della tragedia.

E’ accaduto nel centro di Abusitta, compound situato nel porto della capitale libica dove erano appena sbarcati 103 migranti recuperati in mare dalla “Guardia costiera libica“, che negli ultimi cinque giorni ha riportato in Libia quasi 500 persone. Alcuni di loro hanno opposto resistenza al trasferimento nei centri di detenzione. Un gruppo di uomini armati ha aperto il fuoco dopo un tentativo di fuga. Il migrante, colpito allo stomaco, è deceduto nonostante l’intervento immediato dei medici Oim.

“L’uso di armi da fuoco contro civili inermi è inaccettabile in ogni circostanza”, ha detto il portavoce dell’Oim, Leonard Doyle. L’organizzazione considera l’accaduto un “severo promemoria delle gravi condizioni in cui si trovano i migranti raccolti dalla Guardia costiera libica dopo aver pagato trafficanti per essere portati in Europa, solo per poi ritrovarsi nei centri di detenzione”, dove ci sono condizioni “disumane“, come denunciato dall’Onu. L’Oim stima siano 5mila i migranti, inclusi donne e bambini, detenuti in Libia, oltre 3mila nelle aree di conflitto tra le forze governative e quelle del maresciallo Khalifa Haftar.

La Commissione europea “è profondamente rattristata” e “condanna fermamente la tragica morte del migrante di origine sudanese, ucciso dopo lo sbarco in Libia”, precisando che è “inaccettabile che vengano sparati colpi di arma di fuoco contro civili disarmati”, ha reso noto una portavoce dell’esecutivo che ha chiesto alle autorità libiche di condurre una “inchiesta approfondita” e fare in modo che “simili incidenti non si verifichino”. La portavoce ha poi sottolineato che in Libia la “situazione non è cambiata recentemente” e l’Ue continua a lavorare per la “chiusura dei centri e a mettere in piedi dei centri che siano in linea con gli standard internazionali“.

Oggi la Guardia costiera libica ha annunciato di aver tratto in salvo, dal 15 al 18 settembre, in diverse operazioni, 493 migranti, tra cui donne e bambini, a bordo di vari gommoni, nel tratto di mare a nord-ovest e a nord-est di Tripoli. Lo ha reso noto la stessa marina libica in una nota precisando che la motovedetta Ubari ha effettuato due operazioni di soccorso, il 15 settembre a nord di Khoms, che ha visto il salvataggio di 77 migranti, tra cui quattro donne, e il 16 settembre, che ha interessato 96 migranti, tra cui quattro donne e un bambino, di nazionalità africana e asiatica.

Le persone recuperate sono state trasferite al centro di accoglienza di Khoms. Altri 3 interventi sono stati effettuati il 16 settembre con 83 migranti (80 sudanesi e 3 egiziani), a nord di Khoms, il 17 con altri 83 in salvo e il 18 con 104 persone soccorse, tra cui 18 donne e tre bambini. Queste ultime si trovavano a bordo di un gommone, 15 miglia a nord-est di Zuwara e sono state trasportate alla base navale di Tripoli. La motovedetta Talil ha salvato martedì scorso 50 migranti che si trovavano a bordo di un gommone nel tratto di mare antistante Sabrata e sono stati trasportati a Zawyia e poi affidati al centro di accoglienza Al Nasr della cittadina costiera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, ecco lo spot per la prima campanella. Il video della fondazione che si batte contro la violenza nelle scuole è inquietante

prev
Articolo Successivo

Usa, Colt sospende la produzione di fucili AR-15 destinati a civili. Sono le armi delle stragi di massa: da Orlando a Parkland

next