Nell’aula Bunker di Rebibbia a Roma è in corso la requisitoria del pm Giovanni Musarò per il processo Cucchi bis, per il quale sono imputati cinque carabinieri: Francesco Tedesco, il supertestimone che, a nove anni di distanza, ha rivelato che il geometra 31enne venne ‘pestato’ da due suoi colleghi, Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, accusati come lui di omicidio preterintenzionale. Tedesco è accusato anche di falso e calunnia insieme con il maresciallo Roberto Mandolini, mentre Vincenzo Nicolardi risponde di calunnia nei confronti di agenti della polizia penitenziaria, imputati e assolti nel primo processo. Nel corso della requisitoria il pm Musarò ha citato alcune intercettazioni che, secondo la Procura, inguaiano e raccontano i passi falsi degli imputati. Tra tutte quelle che coinvolgono Tedesco, Di Bernardo e D’Alessandro. Intercettazioni che fanno emergere, come ha precisato Musarò, come “le lesioni più gravi sono state prodotte dalla caduta di Cucchi, dopo un violentissimo pestaggio“.

“Quella caduta – ha spiegato Musarò – è costata la vita a Stefano Cucchi. Musarò ha ricordato come Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, fossero stati di fatto “due fantasmi per anni”, per poi finire per “affossarsi da soli”. Così ricorda: “In un’intercettazione D’Alessandro dice quello che non deve dire. Dice che Cucchi al fotosegnalamento si buttò per terra – ha detto il pm -. Ma del fotosegnalamento non si era mai parlato e quella caduta fu causata dal violentissimo pestaggio”. E ancora: “D’Alessandro ha un problema grosso e deve giustificare tutte le lesioni di Cucchi. Pensa di essere furbo, in un’intercettazione dice: ‘Dentro la caserma, ha dato pure due testate contro il muro quello scemo“. Musarò continua: “E poi abbiamo sentito il racconto di Tedesco: che parlò di un’azione combinata e di un violento calcio di D’Alessandro, poi ci fu la spinta, e si provocò la violenta caduta. La magrezza di Cucchi? Una causa preesistente, possibile che non ci si renda conto?”, ha rivendicato il pm.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, il Riesame accorda la facoltà d’uso per l’altoforno 2: ArcelorMittal evita spegnimento, ma entro tre mesi deve metterlo in sicurezza

next
Articolo Successivo

Cucchi, il pm Musarò: “Pestaggio violentissimo contro una persona fragile, degno di teppisti da stadio”

next