Tre argomenti che da sempre creano scandalo e dividono l’opinione pubblica, arrivando ad essere al centro del dibattito socio-culturale: lusso, droga e porno. Il giornalista Peter Gomez scandaglia questi tre universi nel nuovo programma “Enjoy”, per raccontare da una prospettiva nuova questi fenomeni, con le testimonianze di chi conosce bene questi “vizi” contemporanei, per cui l’eccesso è la parola d’ordine. Un racconto senza pregiudizi in prima tv assoluta sul Nove da giovedì 19 settembre alle 21:25.
Si comincia con “Il mondo del lusso” (1 ep. x 70’, 19 settembre alle 21:25). Milionari che diventano influencer e viceversa. La mania e l’ossessione contemporanee per tutto ciò che è privato, esclusivo e realizzato su misura, dall’evento, al vestito, all’auto, al jet, al personal shopper, hanno portato ad una sorta di riscoperta degli Anni 90, lontani da ogni forma di minimalismo e dove tutto è stato esibizione ed eccesso. Dai loghi in evidenza ai prezzi fuori controllo. Gomez analizza questo nuovo aspetto della cultura pop di oggi, con le testimonianze dirette di personaggi come Guè Pequeno e Vittorio Sgarbi.
Negli appuntamenti successivi il direttore de Ilfattoquotidiano.it metterà in luce ogni più cupo aspetto legato al nuovo consumo di stupefacenti (“Vite drogate”, in onda giovedì 26 settembre h. 21:25) e viaggerà tra le follie del mondo del porno, indagando la nuova frontiera del porno amatoriale (“Pornografia 2.0”, 4 e 11 ottobre h. 23:00).

“Enjoy” (2 ep. per 70’ + 2 ep. x 90’) è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è già disponibile su Dplay Plus e successivamente su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia.Doc, su Loft #Lombardia, il secondo video-reportage sulle regioni italiane, dall’urbanistica alle infiltrazioni mafiose

prev
Articolo Successivo

Eretici, Tomaso Montanari racconta Caravaggio: “Uno straordinario poeta del corpo messo a nudo”

next