Uno scambio accesso, finito con un’aggressione. Si è conclusa con un morso sul naso al “minisindaco” una lite scoppiata giovedì pomeriggio, dopo la seduta del consiglio del Municipio V. Protagonisti sono Giovanni Boccuzzi, esponente del Movimento 5 stelle e guida del cosiddetto municipio “delle Torri”, e Alessandro Stirpe, presidente della Commissione cultura della Capitale. Secondo quanto apprende l’Adnkronos, che cita fonti interne allo stesso “mini-comune”, Stirpe avrebbe assalito Boccuzzi tra le 15,30 e le 16,30 nella stanza dell’assessora alla Cultura e allo Sport, Maria Teresa Brunetti. Il presidente del Municipio starebbe ora valutando se sporgere o meno una denuncia nei confronti del collega.

Dopo il morso il minisindaco avrebbe perso qualche goccia di sangue, ma senza la necessità di andare al pronto soccorso. Alla base della disputa non ci sarebbero motivi politici, ma dei rapporti umani “consumati” e “ormai fortemente deteriorati” tra Boccuzzi e i due consiglieri, Stirpe e Monia Medaglia, accusati da tempo di “eccessivo protagonismo che non giova al lavoro di squadra”. Secondo l’Adnkronos la lite si sarebbe accesa dopo qualche scambio di battute tra il presidente della Commissione cultura e il suo “sindaco”.

I due non hanno voluto commentare la vicenda. “Sono cose private che non devono interessare”, taglia corto il presidente del municipio, che, però, non specifica se denuncerà o no. “Non c’è nulla da commentare – ribatte Stirpe – Continuerò a far parte del movimento“. I rumors, infatti, evidenziavano una maggioranza, molto fedele al presidente, di malumore per quanto successo e intenzionata a chiedere “l’espulsione del collega”. “Lavoro per il bene del territorio – conclude – e ci sono ancora tante cose da realizzare, tanti progetti da portare a termine a beneficio dei cittadini”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pacciani, in mostra a Venezia i disegni del presunto mostro di Firenze. Il ricavato in beneficenza

prev
Articolo Successivo

Torino, arrestati capi ultrà della Juve. La distribuzione illegale dei biglietti: video della polizia

next