“L’odio e la paura non abitano a Pontida. Rispondiamo agli insulti con i sorrisi”. Dal palco di Pontida, il leader leghista Matteo Salvini arringa le migliaia di persone che sono arrivate per l’annuale raduno della Lega. Una frase che sembra rimanere inascoltata. I nomi di Conte e Di Maio sono accolti dai cori “buffoni, buffoni” mentre il video giornalista Antonio Nasso è stato aggredito con un pugno sulla telecamera e Gad Lerner è stato apostrofato con il termine “ebreo”, oltre ad una sequela di termini ingiuriosi. Sul palco salgono i governatori e i candidati alle prossime regionali: “Umbria, Liguria, Veneto, vincere!” dice Salvini mentre la folla risponde in coro “vinceremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, l’appello di Franceschini a Renzi: “Questo partito è la tua casa. Non spaccarlo”

next
Articolo Successivo

Pd, Zingaretti: “Scindersi sarebbe errore gravissimo. Amici con l’M5s? No, ma siamo ex avversari. Alleati contro la politica dell’odio”

next