“L’odio e la paura non abitano a Pontida. Rispondiamo agli insulti con i sorrisi”. Dal palco di Pontida, il leader leghista Matteo Salvini arringa le migliaia di persone che sono arrivate per l’annuale raduno della Lega. Una frase che sembra rimanere inascoltata. I nomi di Conte e Di Maio sono accolti dai cori “buffoni, buffoni” mentre il video giornalista Antonio Nasso è stato aggredito con un pugno sulla telecamera e Gad Lerner è stato apostrofato con il termine “ebreo”, oltre ad una sequela di termini ingiuriosi. Sul palco salgono i governatori e i candidati alle prossime regionali: “Umbria, Liguria, Veneto, vincere!” dice Salvini mentre la folla risponde in coro “vinceremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, l’appello di Franceschini a Renzi: “Questo partito è la tua casa. Non spaccarlo”

next
Articolo Successivo

Pd, Zingaretti: “Scindersi sarebbe errore gravissimo. Amici con l’M5s? No, ma siamo ex avversari. Alleati contro la politica dell’odio”

next