Lei si chiama Valerie Plame. Per quasi vent’anni ha lavorato per la CIA in operazioni sotto copertura, come spia, ad Atene e Bruxelles, con l’obiettivo di raccogliere informazioni sulle armi di distruzioni di massa in Medio Oriente. Ora, dopo aver abbandonato la carriera da 007 in seguito al cosidetto scandalo CIA-Gate, Plame ha deciso di candidarsi alla corsa al Congresso in New Mexico. Il video con cui annuncia la propria scelta, però, ha poco a che vedere con questioni politiche e programmi da mettere a punto. Sembra, piuttosto, un trailer di un film a metà tra Kill Bill (il racconto in prima persona, l’auto, gli effetti sonori) e Homeland (la cui protagonista, Carrie Mathison, è proprio un agente della CIA). Plame si candida nelle file dei democratici e nella fine del video si rivolge direttamente a Donald Trump: “Presidente, sto arrivando, abbiamo qualcosa in sospeso”. Il riferimento è sempre al CIA-Gate, col quale alcuni funzionari dell’amministrazione Bush fecero saltare la copertura di Plame, rivelando la sua identità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Razzo ipersonico supera i 10mila km/h (3 km al secondo): impossibile vederlo in slow motion

prev
Articolo Successivo

Libia, Federpesca sospende l’accordo con società legata ad Haftar dopo le proteste di Tripoli: “Insorte diverse sensibilità”

next