Il presidente dell’Assemblea Nazionale francese, Richard Ferrand, è indagato nel dossier legato ai presunti favoreggiamenti alla compagna nel 2011, quando era alla guida delle Mutuelles de Bretagne. L’ipotesi di reato nei confronti di Ferrand, interrogato per 13 ore a Lille, è di interesse illecito. L’ex capogruppo di En Marche all’Assemblea Nazionale, tra i primi sostenitori di Emmanuel Macron durante la campagna presidenziale del 2017, è sospettato di aver favorito la società immobiliare della compagna nella scelta dei locali per una casa di cura per anziani che era nei progetti delle Mutuelles de Bretagne, che all’epoca egli stesso dirigeva. La vicenda, che emerse subito dopo la formazione del governo, gli è già costata il posto da ministro per la Coesione territoriale: all’epoca fu proprio Macron a chiedergli di fare un passo indietro per evitare le polemiche. L’inchiesta fu poi archiviata nel 2017 dal tribunale di Brest e lui fu promosso presidente dell’Assemblée nationale.

Ora però, nonostante il nuovo sviluppo, il presidente della Repubblica ha ribadito la “piena fiducia” in Ferrand. A dirlo è stata la portavoce del governo, Sibeth Ndiaye, parlando ai microfoni di Europe 1. “Quanto detto finora ha dato l’impressione che le accuse siano già dimostrate e che lo si possa già condannare” ha detto la portavoce, invocando per Ferrand il “principio della presunzione di innocenza“. Non è mai successo che un presidente dell’Assemblea Nazionale nell’esercizio delle sue funzioni fosse indagato.

Richieste di dimissioni sono arrivate dai socialisti. Da parte sua, la portavoce dei Républicains, Lydia Guirous, ha detto che nel “breve termine” la posizione della “quarta carica dello Stato”, fedelissimo del presidente Emmanuel Macron, “sarà molto difficilmente sostenibile”. Guirous ha comunque sottolineato l’importanza della “presunzione di innocenza” e la necessità di “lasciare lavorare la giustizia”. Richard Ferrand è “presunto innocente”, ha sottolineato da parte sua il deputato del Rassemblement National, Sébastien Chenu, intervistato da Bfm-Tv.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, Federpesca sospende l’accordo con società legata ad Haftar dopo le proteste di Tripoli: “Insorte diverse sensibilità”

next
Articolo Successivo

Usa, Politico: “Israele spiava Trump alla Casa bianca”. Netanyahu: “Clamorosa menzogna”

next