Tre colpi di pistola alla testa. Un’esecuzione. È stato ucciso così Giampiero Carvone, 19 anni, nei pressi della sua abitazione nel rione Perrino di Brindisi: il giovane, raggiunto in via Tevere dal killer armato di una calibro 7,65, ha precedenti per furto risalenti al 2018 e alla scorsa estate.

Sul delitto indaga – ipotizzando il reato di omicidio volontario – il pm Raffaele Casto che ha disposto l’autopsia e delegato gli accertamenti alla Squadra mobile della polizia, allertata dal padre della vittima che aveva lanciato un appello sui social per la donazione di sangue. Carvone è stato soccorso dal 118 che lo ha portato in ospedale dove è stato sottoposto a intervento chirurgico, ma i medici del ‘Perrino’ non sono riusciti a salvarlo. Il 19enne è morto poco dopo.

Secondo una prima ricostruzione, l’agguato è scattato sotto l’abitazione della vittima in un complesso di edilizia popolare: chi ha sparato ha atteso che il 19enne uscisse dal portone e ha aperto il fuoco. Diversi proiettili sono stati trovati conficcati anche su alcune auto posteggiate in via Tevere e nel portone d’ingresso del palazzo in cui abitava la vittima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coppia scomparsa a Piacenza, Sebastiani: “Non voleva più vedermi e l’ho strangolata”. Gay Center: “Uccisa da donna e da lesbica”

next
Articolo Successivo

Cesare Battisti, la “lettera ai compagni”: “L’assunzione di responsabilità sui delitti? Ho smitizzato il mostro, ho detto di essere umano”

next