Il tifone Faxai, che ha colpito Tokyo nella notte tra domenica e lunedì, ha causato 2 morti e circa 60 feriti nella capitale del Giappone, dove si segnalano anche blackout e disagi nei trasporti.

Le raffiche hanno raggiunto i 200 chilometri orari quando il tifone ha toccato terra nella notte nella regione di Chiba, a sudest della capitale. Diverse zone della città hanno deciso di chiudere le scuole lunedì per i pericoli legati al vento, che dovrebbe rimanere forte anche dopo il passaggio del tifone determinando il rischio della caduta di oggetti.

Nella serata di lunedì (ora locale) circa 760mila clienti erano ancora senza corrente elettrica nella zona servita dalla società Tokyo Electric Power (Tepco), principalmente nella prefettura di Chiba. E si calcola che nel corso della giornata le utenze colpite da blackout erano arrivate a circa un milione.

L’operatore ferroviario East Japan Railway ha ordinato la chiusura di tutte le linee dell’area metropolitana fino alle 8 del mattino, per poter ispezionare lo stato dei collegamenti dopo il passaggio del tifone, mentre quasi 120 treni superveloci Shinkansen sono stati già cancellati tra Tokyo e Osaka nella serata di domenica.

A causa del passaggio del Faxai, il 15esimo tornado a colpire il Giappone dall’inizio della stagione, le autorità hanno emesso un ordine di evacuazione per circa 40mila nuclei familiari nelle prefetture a sud di Kanagawa e Shizuoka e sono stati cancellati più di 200 voli da e per l’aeroporto cittadino di Haneda a Tokyo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Yemen, l’Occidente è complice di crimini di guerra. E tra i produttori di armi ci siamo anche noi

prev
Articolo Successivo

Usa, Cnn: “Spia americana compromessa e fatta rientrare da Mosca nel 2017 a causa delle parole di Trump”. Lui: “Voi male dell’America”

next