Charles Leclerc ha vinto il Gran Premio d’Italia, 14° appuntamento del Mondiale di Formula 1, sul circuito di Monza, dopo essere partito dalla pole position. Il giovane monegasco della Ferrari ha preceduto la Mercedes di Valtteri Bottas e quella di Lewis Hamilton. Per Leclerc è il secondo successo stagionale e ha interrotto il digiuno del Cavallino a Monza, dove non vinceva da nove anni. Il monegasco aveva ottenuto la sua prima vittoria in Formula 1 appena sette giorni fa, a Spa: “Non sono mai stato cosi stanco. È stata una gara difficilissima, ci tenevo tanto a fare bene qui, per il team e i tifosi. Vincere qui è un sogno, lo era già la settimana scorsa con la prima vittoria, ma in termini di emozioni vincere qua è dieci volte di più. È un sogno, è per tutti i tifosi. Grazie a tutti, non ho parole, siete i migliori”, ha commentato a caldo il vincitore.

Fuori dal podio e al quarto posto la Renault di Daniel Ricciardo, davanti al compagno di squadra Nico Hulkenberg. In top ten anche Alexander Albon (Red Bull), Sergio Perez (Racing Point), Max Verstappen (Red Bull), Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) e Lando Norris (McLaren).

Finisce male, invece, la gara di Sebastian Vettel, solo 13esimo. La gara del tedesco è stata tutta in salita dopo che, in seguito a un testa-coda alla variante Ascari ha tentato di rientrare velocemente in pista urtando però la Racing Point di Lance Stroll, costringendo quest’ultimo all’uscita di pista. Vettel, costretto ad andare ai box per il cambio delle gomme e del musetto e rientrato in ultima posizione, ha quindi subito una penalizzazione di 10 secondi, scontata nel corso del tredicesimo giro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gp Italia a Monza: pole position Ferrari con Leclerc, seguito da Hamilton e Bottas. Vettel partirà quarto

prev
Articolo Successivo

F1, gp Monza 2019: Leclerc cresce, la Ferrari pure mentre Vettel scompare lentamente

next