“Beppe Grillo? Con lui ci sono state differenze di vedute sui 20 punti, sul programma, ma non c’è stato alcun bisogno di chiarimento”. A rivendicarlo Luigi Di Maio, capo politico del M5s, nel corso della conferenza stampa dopo il via libera degli iscritti M5s su Rousseau al nuovo governo Conte con il Pd. “Giustamente una persona che guarda avanti come Beppe, guarda quei 20 punti e pensa sempre che siano troppo poco. Ci vogliamo bene, continuiamo a volerci bene e continuiamo a lavorare insieme”, ha aggiunto Di Maio, parlando del suo rapporto con il garante M5S, che ha ringraziato pubblicamente. Per poi rivendicare: “Qualcuno ha scritto che c’è stata una telefonata che mi ha fatto fare il passo indietro, non è vero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, Di Maio: “Se ho chiesto a Di Battista di fare il ministro o si è proposto? Non farò nomi, neanche il mio”

next
Articolo Successivo

Conte 2, dall’arrivo del notaio all’annuncio di Casaleggio: il giorno del ‘sì’ al governo con il Pd visto dall’Associazione Rousseau

next