“Beppe Grillo? Con lui ci sono state differenze di vedute sui 20 punti, sul programma, ma non c’è stato alcun bisogno di chiarimento”. A rivendicarlo Luigi Di Maio, capo politico del M5s, nel corso della conferenza stampa dopo il via libera degli iscritti M5s su Rousseau al nuovo governo Conte con il Pd. “Giustamente una persona che guarda avanti come Beppe, guarda quei 20 punti e pensa sempre che siano troppo poco. Ci vogliamo bene, continuiamo a volerci bene e continuiamo a lavorare insieme”, ha aggiunto Di Maio, parlando del suo rapporto con il garante M5S, che ha ringraziato pubblicamente. Per poi rivendicare: “Qualcuno ha scritto che c’è stata una telefonata che mi ha fatto fare il passo indietro, non è vero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo Conte 2, Di Maio: “Se ho chiesto a Di Battista di fare il ministro o si è proposto? Non farò nomi, neanche il mio”

next
Articolo Successivo

Conte 2, dall’arrivo del notaio all’annuncio di Casaleggio: il giorno del ‘sì’ al governo con il Pd visto dall’Associazione Rousseau

next