“In quasi 30 anni di carriera non avevo mai neppure ipotizzato di potermi candidare per il Consiglio superiore della magistratura“, a parlare è Nino Di Matteo, rispondendo alle domande di Marco Lillo durante uno degli incontri organizzati nell’ambito della festa per i 10 anni del Fatto Quotidiano al Parco della Versiliana (Marina di Pietrasanta). “In questi ultimi decenni il Csm e l’Anm spesso hanno lasciato soli i magistrati più impegnati nell’attività giudiziaria – ha continuato -, questo non è giusto che si verifichi. La funzione del Csm è altissima. Proprio nel momento in cui è emerso lo scandalo (Palamara ndr), ho pensato che fosse il momento di cambiare le cose”. E, ha spiegato: “La mia non è una candidatura di sistema, non sono iscritto alle correnti, non intendo iscrivermi, voglio rappresentare una figura autonoma e indipendente, al Csm vorrei fare il giudice, quello che si si studia le cose, valuta le cose per come stanno, respingendo al mittente ogni opportunismo personale o di gruppo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Versiliana 2019, la sinistra a un bivio? Rivedi l’incontro con Carlo Calenda e Pierluigi Bersani

prev
Articolo Successivo

Versiliana 2019, botta e risposta tra Calenda e Bersani sul governo Pd-M5s. “Accordo favorirà la Lega”, “No, è il contrario. Proviamoci”

next