Dieci fake news diffuse sulla piattaforma online Rousseau. Sono quelle elencate in un lungo post sul Blog delle Stelle. Voto manipolato, hacker, click ripetuti dalla stessa persona: i grillini fanno l’elenco delle bugie sulla piattaforma online che ospiterà il voto decisivo sul governo Pd-M5s. A cominciare dalla più diffusa: “La piattaforma Rousseau è gestita da un’azienda privata, la Casaleggio Associati Srl. Fake news La piattaforma Rousseau non è gestita dalla Casaleggio Associati. Inizialmente la Casaleggio Associati ha sviluppato la piattaforma Rousseau per il Movimento 5 Stelle, e lo ha fatto gratuitamente. Nel 2016 la piattaforma viene rilasciata e donata al Movimento 5 Stelle e la sua gestione viene affidata all’Associazione Rousseau fondata da Gianroberto e Davide Casaleggio proprio con lo scopo di sostenere e sviluppare l’omonima piattaforma di democrazia diretta”, è il primo punto affrontato nel blog.

Poi il M5s elenca: “Il voto per il Progetto di Governo non è sicuro. La piattaforma su cui si voterà è stata multata dal Garante della privacy . Fake news; Errori e bug potrebbero consentire ad un utente di votare più volte per il Progetto di Governo. E’ possibile ricondurre il voto alla persona che l’ha espresso. Fake news; La piattaforma Rousseau è impreparata a gestire un elevato traffico per il voto sul Progetto di Governo. Fake news”. E ancora il blog definisce falsità il fatto che “il voto degli iscritti sul Progetto di Governo può essere facilmente manipolato” così come la notizia secondo cui “la piattaforma Rousseau riceve 1,6 milioni di euro di soldi pubblici”. Fake news, per il blog delle Stelle, sono anche le seguenti: “Migliaia di persone di altri partiti si stanno iscrivendo in questi giorni e potranno falsare il voto su Rousseau; non si possono affidare le decisioni ad un voto su Rousseau perché è piena di profili fake e non si conosce neanche il numero di iscritti; Il 29 agosto 2019 la nuova piattaforma Rousseau è stata hackerata”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, vertice a Palazzo Chigi tra Pd e M5s. Delrio: ‘Inaccettabili ultimatum a Conte’

prev
Articolo Successivo

Borghi replica a Bloomberg su vendita dei Btp: “Li ho tenuti finché Lega era in maggioranza. Chiunque è al governo dovrebbe farlo”

next