Dopo la multa imposta a Johnson&Johnson, ritenuta responsabile dell’epidemia di dipendenza da oppioidi negli Usa, anche la Purdue Pharma sta negoziando un accordo miliardario per chiudere le azioni legali intentate nei suoi confronti da governi locali e statali. Come parte dell’accordo, secondo i media statunitensi, la società dovrebbe dichiarare fallimento. Purdue è uno dei 22 produttori di oppioidi finiti nel mirino delle 2.000 azioni legali avviate negli Stati Uniti da stati, contee e città per la crisi degli oppioidi.

Purdue è accusata di avere scatenato l’epidemia di dipendenza da antidolorifici negli Stati Uniti con l’introduzione nel 1996 del farmaco OxyContin, che è stato oggetto di un’aggressiva campagna di marketing per convincere i medici a prescriverlo nel modo più ampio e alle dosi più elevate possibili. La famiglia Sackler, proprietaria di Purdue Pharma, rinuncerebbe al suo controllo sull’impresa e contribuirebbe con almeno 3 miliardi di dollari da fondi personali all’accordo, che potrebbe ammontare a circa 12 miliardi di dollari, secondo tre fonti coinvolte nelle trattative. I 2.000 querelanti starebbero seriamente valutando l’offerta, su cui si sta lavorando da mesi e che è stata oggetto di un incontro convocato a Cleveland la scorsa settimana dal giudice distrettuale Dan Aaron Polster, che sovrintende una causa federale che dovrebbe iniziare a metà ottobre.

Polster ha incoraggiato le parti ad accordarsi piuttosto che andare in giudizio. Purdue si era già accordata con l’Oklahoma per 270 milioni di dollari a marzo e ha fatto sapere di ritenere che “una soluzione globale costruttiva sia la strada migliore da seguire”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Mare Jonio salva 100 persone: tra loro 22 bimbi. Salvini, Toninelli e Trenta firmano divieto d’ingresso

next
Articolo Successivo

Messico, strage in un bar: 26 morti e 11 feriti durante un attacco armato con le molotov

next