L’accordo tra Pd e M5S per i pentastellati “è la fine di qualunque credibilità di un movimento che doveva rappresentare il cambiamento e e si dimostra essere la peggiore partitocrazia, perché lo stomaco che stanno dimostrando loro, in pochi lo hanno dimostrato in questi decenni di politica repubblicana”. Lo ha detto Giorgia Meloni in un video postato su Facebook. La leader di Fdi inizia il video con l’immagine della scatoletta di tonno, che M5S usò come simbolo di un Parlamento da ‘aprire’.

“E’ successo – ha aggiunto – che loro sono diventati il tonno. Si sono chiusi nella loro scatoletta e non ne vogliono più uscire. E trattano in queste ore per fare un nuovo governo con quelli che gli italiani erano certi di voler mandare a casa. Sulla pelle di quei cittadini che volevano rappresentare… Il tonno è chiuso nel palazzo a trattare con il Pd”.

“Una delle ragioni per le quali vogliono impedire che si vada a votare, impedire che Fdi vinca le elezioni, che la Lega vinca le elezioni, che altri partiti vincano le elezioni, è che la prossima legislatura dovrebbe essere quella che elegge il nuovo Presidente della Repubblica e non si vuole che ci sia qualcuno che vuole difendere l’interesse nazionale che elegge un Presidente che vuole difendere l’interesse nazionale italiano – continua -. E qual è il nome che stanno apparecchiando questi signori per la prossima presidenza della Repubblica? Il nome è quello di Romano Prodi. Uno che ha svenduto tutto lo svendibile dell’Italia dall’Iri in poi, ed è quello che il responsabile del nostro ingresso nell’euro alle condizioni in cui ci siamo entrati”.

“Dobbiamo essere pronti a mobilitarci, non solo con la petizione per chiedere ‘elezioni subito’ e che in poche ore ha raccolto già 50 mila firme. Se necessario scenderemo in piazza: dobbiamo far sentire la nostra voce perché un altro governo fatto solo per massacrare gli interessi e i diritti degli italiani non ce lo possiamo permettere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, riunione M5s-Pd per 4 ore. I dem: “Strada in salita su contenuti”. Cinque Stelle: “Parlano solo di ministeri e non chiariscono su Conte”

prev
Articolo Successivo

Pubblica amministrazione e digitale, il bilancio del mio incarico da sottosegretario M5s

next