Brutale, adrenalinico e distruttivo: sono le prime tre cose che vengono in mente mentre inizia la demo di Doom Eternal che abbiamo potuto provare la scorsa settimana alla Gamescom, e che dire, il Re degli shooter è tornato, e vuole far capire a tutti chi comanda.

Uno shooter classico come Doom può sembrare semplice da affrontare, beh Eternal non lo è affatto, a meno che non decidiate di sottomettervi alla sua legge di velocità e brutalità, soprattutto per le nuove meccaniche che rendono ogni movimento millimetrico e pensato per avanzare come uno schiacciasassi tra i nemici; la possibilità di eseguire scatti e doppi salti ad esempio cambia totalmente il gunplay e le sparatorie, a seconda di come spazzeremo via i demoni che ci si parano davanti otterremo diversi tipi di bonus – vita, armatura, proiettili – cambiando radicalmente il modo di affrontare ogni livello, il doppio salto e gli scatti diventano praticamente obbligatori al giocatore per poter sopravvivere alla massiccia dose di nemici che gli si riversano contro, non una cosa usuale per gli FPS di stampo classico ma che Doom Eternal reclama come base per la sopravvivenza, senza possibilità di sbagliare.

https://www.youtube.com/watch?v=ec5LBEY6XmM

Ovviamente le meccaniche che permettono di recuperare energia e armatura richiedono del tempo per essere riutilizzate, quindi la distruzione che si porta tra i demoni dell’inferno deve essere meticolosa e quasi tattica, pena una morte veloce e dolorosa; altra cosa impressionante è la resa grafica del gioco, che nonostante la velocità di gioco particolarmente elevata non ha mostrato rallentamenti nemmeno nelle situazioni più concitate, coinvolgendo il giocatore che lotta per la propria sopravvivenza. Le musiche, complice la colonna sonora aggressiva quanto il gioco stesso, ci accompagnano in una cavalcata che non pensavamo fosse possibile vedere su uno schermo, sintomo di una tipologia di gioco che si pensava si stesse estinguendo e invece è appena tornato, urlando in faccia al giocatore tutta la sua rabbia.

Doom Eternal torna sugli schermi a novembre, quando finalmente potremo giocare il titolo nella sua totalità e distruggere ogni demone che l’inferno ci manderà contro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Notebook Lenovo datati a rischio sicurezza, bisogna liberarsi del Solution Center

prev
Articolo Successivo

Xiaomi Mi A3, lo smartphone Android One da 250 euro con prestazioni e autonomia convincenti

next