World of Warcraft, uno dei titoli più rappresentativo nel panorama degli MMORPG, il prossimo Novembre celebra il 15° anniversario dal lancio dei server statunitensi, vedendo il titolo fantasy aver collezionato negli anni 7 espansioni e milioni di appassionati in tutto il mondo: i numeri parlano di oltre 100milioni di account creati e di un picco massimo di 12milioni di abbonati attivi nel corso del 2010.

In attesa di scoprire cosa attende nel futuro gli avventurieri di Azeroth – il mondo in cui è ambientato il gioco – dopo un’espansione (Battle for Azeroth) in parte deludente, allo scoccare della mezzanotte del 27 Agosto si apriranno ufficialmente i server di World of Warcraft: Classic, un ritorno alle origini del gioco che vedrà i giocatori entrare in un mondo di gioco quanto più fedele possibile a quello che i primi giocatori si trovarono di fronte 15anni fa, sia dal punto di vista grafico che dal punto di vista delle meccaniche.

Il progetto “Classic” era stato annunciato ai player al Blizzcon di due anni fa in risposta ad un crescente numero di nostalgici del gioco al suo stato originale che si trovava costretta a rivolgersi ai server pirata, e vede le sue fondamenta in un adattamento per client e server moderni del database, delle meccaniche e degli asset multimediali della patch 1.12, l’ultima patch prima del lancio di The Burning Crusade (prima espansione del gioco Blizzard), in modo da poter offrire ai giocatori un’esperienza di gioco simile a quella del periodo 2004-2006 senza però rinunciare alle migliorie ai software sottostanti frutto degli ultimi 13anni di sviluppo del titolo.

Nonostante però il rilascio avvenga con la medesima patch dell’ultimo periodo pre-espansione, non tutti i contenuti saranno disponibili fin da subito, gli sviluppatori infatti hanno deciso di rilasciare i contenuti in varie fasi in modo da non rendere rapidamente obsoleti raid e dungeon più vecchi ed il loro bottino. Al lancio sarà possibile fin da subito utilizzare una delle nove classi originali interpretando un avventuriero di una delle 8 razze iniziali (Umani, Nani, Gnomi ed Elfi della Notte per l’Alleanza, Orchi, Troll, Tauren e Reietti per l’Orda) e, tempo libero permettendo, raggiungere il livello 60, accedere alle spedizioni presenti nel gioco al lancio originale più Maraudon ed accedere a due raid: Molten Core ed Onyxia’s Lair.

Per giocare sarà necessario avere sul proprio account Battle.net del tempo di gioco per World of Warcraft, infatti Blizzard ha deciso di non creare un abbonamento dedicato ma di offrire in un’unica sottoscrizione sia la possibilità di giocare sui server dell’ultima espansione (a patto di aver comprato la propria copia) sia di giocare sui server dedicati a Classic.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Merce vietata, prodotti non sicuri e oggetti falsi. Amazon è ‘come il mercato delle pulci’?

next
Articolo Successivo

Amazfit BIP Lite è lo smartwach da 59 euro per chi guarda alla sostanza

next