Ha perso i sensi per un malore improvviso un mese fa e da allora Vera Rigano, 38enne messinese dipendente di una casa di cura a Birmingham, è ricoverata. Le sue condizioni sono gravi ma stabili. Il problema, però, è che l’ospedale britannico ha deciso adesso di non assistere più gratuitamente la giovane donna, così come previsto dal sistema sanitario inglese. Ma visto che costo per il rientro in Italia è proibitivo è scattata una raccolta fondi (qui le info) per organizzare il viaggio di rientro. In tanti stanno rispondendo all’appello dei famigliari per farla tornare a casa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tav, via agli espropri a Salbertrand: “110mila metri di capannoni e 600 tir al giorno”. Il sindaco contrario: “Si svende salute con scusa del lavoro”

next
Articolo Successivo

Canevaworld, incidente nell’area Movieland: si ribaltano due carrozze del trenino monorotaia

next