Walmart, la catena americana di supermercati, porterà in tribunale Tesla, l’azienda di Elon Musk, per colpa dei suoi pannelli solari. La citazione giudiziaria, arrivata presso una corte dello Stato di New York in questi giorni, fa riferimento ad almeno sette incendi sospetti di magazzini e supermercati Walmart verificatisi da novembre 2018 in poi: questi sarebbero stati originati proprio dai pannelli solari che la catena americana ha acquistato dalla ex Solar City, la società acquisita dalla Tesla di Elon Musk nel 2016 e adibita alla produzione del fotovoltaico.

Gli incendi indicati nella citazione sarebbero in realtà solo gli ultimi casi occorsi nei mesi più recenti, ma già altri supermercati – sono in tutto oltre 240 i tetti di Walmart coperti dai pannelli solari di Musk – erano stati danneggiati dalle stesse unità solari. L’accusa rivolta alla società di Palo Alto è quella di “violazione del contratto” per mancato rispetto degli standard di sicurezza, per inefficienza e negligenza. Nel testo di accusa presentato da Walmart, secondo quanto riporta Bloomberg, si legge infatti che “i pannelli solari correttamente costruiti, installati, ispezionati e poi manutenuti non possono avere un’autocombustione e i molteplici incendi che hanno coinvolto i sistemi solari di Tesla non sono altro che un inequivocabile segno di negligenza da parte della stessa”.

Tesi che potrebbe essere avvalorata anche dal fatto che per Walmart – azienda che “entro il 2020 otterrà il 35% di energia da fonti rinnovabili” – la società di Palo Alto non è l’unico fornitore di pannelli solari, ma al momento quello più problematico: anche SunPower, altra realtà della Silicon Valley, contribuisce a rendere i tetti di Walmart (almeno 19) fonte di energia rinnovabile con pannelli che, finora, sembrano non aver causato alcun danno. La richiesta fatta da Walmart al tribunale è quella di far rimuovere alla società californiana i pannelli da tutti i supermercati e ripagare i danni causati, che per la catena rappresenterebbero perdite per milioni di dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mercedes Classe A e Classe B ibride plug-in, arrivano le Stelle alla spina

prev
Articolo Successivo

DS X E-Tense, la sportiva elettrica di domani è metà coupé e metà roadster – FOTO

next