Botta e risposta vivace a “In Onda” (La7) tra la vicesegretara del Pd, Paola De Micheli, e il sociologo Marco Revelli sugli scenari politici futuri dopo la crisi del governo gialloverde.
De Micheli è tranchant: nessun accordo parlamentare coi 5 Stelle, l’unica alternativa è data dalle elezioni.


Revelli dissente: “Constato con molto dispiacere e preoccupazione che continua la linea suicida del Pd. E’ suicida non tentare nessuna operazione per contrastare in qualche misura Salvini, che è l’unico ad avere un vantaggio ad andare immediatamente alle urne e vincerle. Il Pd non ha nessuna possibilità di sorpassare la Lega, forse questa possibilità vive nel mondo dei sogni o nelle narrazioni renziane. Tra l’altro, io per principio tendo a non credere mai alle dichiarazioni di Renzi. Ma se questa è la linea del Pd – continua – e cioè continuare la linea dei popcorn e non fare politica per poi presentarsi alle elezioni e chiedere il voto perché dall’altra parte c’è il pericolo fascista e autoritario, allora, ripeto, si tratta di una linea suicida sia per il Pd, sia per il Paese. Il Pd provi a fare qualcosa, tenti di costruire un fronte alternativo in Parlamento, visto che siamo in una democrazia parlamentare“.

La deputata Pd ribadisce: “In questo momento è impossibile immaginare un accordo con il M5s. I 5 Stelle sono stati compartecipi e quasi sempre servili alle politiche messe in campo da Salvini. Non venitemi a dire che noi non abbiamo voglia di vincere le elezioni, perché vi renderete conto di come invece questa campagna elettorale genererà dei risultati sorprendenti nelle urne“.

Revelli ribatte: “In tutta questa discussione c’è una enorme sottovalutazione del tasso di rischio dei mesi che abbiamo di fronte e di cosa significhi una campagna elettorale dall’esito incerto, se non per una delle forze più eversive mai conosciute nel nostro Paese, quando qui rischiamo il default. Io non lo se ve ne rendiate conto oppure no“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi governo, Bonafede: “Salvini alle urne pagherà moltissimo questo tradimento”

prev
Articolo Successivo

Crisi governo, Fedriga: “M5s veri traditori. Salvini sopporta insulti come ‘Higuain ingrassato’”

next