Nella prima fase di attuazione del reddito di cittadinanza, entrato in vigore a fine marzo, l’Ispettorato nazionale del lavoro ha individuato 185 percettori indebiti dell’assegno.

Oggi in provincia di Cosenza la Guardia di Finanza ha denunciato otto persone per il reato di intermediazione illecita di manodopera (caporalato), lavoro nero e truffa ai danni dello Stato per indebita percezione del reddito di cittadinanza. I caporali rischiano da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato. Chi percepiva anche il sussidio rischia da uno a tre anni di carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’apprendistato è cambiato. Ora rischia di diventare lavoro a basso costo

next
Articolo Successivo

Rider, intesa M5s-Lega: “Compenso sarà mix tra paga oraria e cottimo”. Di Maio: “Parte dei nostri stipendi al fondo per lavoro disabili”

next