Nella prima fase di attuazione del reddito di cittadinanza, entrato in vigore a fine marzo, l’Ispettorato nazionale del lavoro ha individuato 185 percettori indebiti dell’assegno.

Oggi in provincia di Cosenza la Guardia di Finanza ha denunciato otto persone per il reato di intermediazione illecita di manodopera (caporalato), lavoro nero e truffa ai danni dello Stato per indebita percezione del reddito di cittadinanza. I caporali rischiano da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore reclutato. Chi percepiva anche il sussidio rischia da uno a tre anni di carcere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’apprendistato è cambiato. Ora rischia di diventare lavoro a basso costo

prev
Articolo Successivo

Rider, intesa M5s-Lega: “Compenso sarà mix tra paga oraria e cottimo”. Di Maio: “Parte dei nostri stipendi al fondo per lavoro disabili”

next