Ogni anno nel mondo produciamo 240 milioni di tonnellate di plastica, di questi 8 milioni finiscono in mare. Un problema globale da cui non è immune anche il mare Mediterraneo, comprese le sue aree più delicate, come il santuario di Pelagos. “Il santuario”, documentario prodotto da Sky TG24 e realizzato da Nicola Veschi in onda sabato 3 agosto alle 21.30 su Sky TG24 (e in replica domenica 4 agosto alle 15), racconta gli effetti della presenza di plastica e microplastica in questa area importantissima, caratterizzata da una grande biodiversità, attraverso un lungo viaggio al seguito di Greenpeace, assieme al CNR-IAS di Genova e all’Università Politecnica delle Marche.

Per tre settimane, a cavallo tra maggio e giugno di quest’anno questi enti hanno fatto una lunga perlustrazione del mar Tirreno centrale, nel cuore del santuario, raccogliendo campioni di acqua e analizzando i pesci pescati, per capire quanta della plastica che finisce in mare, poi alla fine, viene mangiata dagli animali che lo popolano. Il documentario fa parte della campagna “Sky – Ocean rescue”, lanciata dal gruppo Sky a livello internazionale per sensibilizzare il pubblico sul problema dell’inquinamento marino e diffondere una vera e propria “cultura del mare”, sia con programmi dedicati al tema, sia con progetti e iniziative sul territorio.

Attraverso interviste ai ricercatori impegnati in questo progetto, il documentario cercherà di spiegare quale sia la situazione presente nell’area, messa a rischio dal grande apporto di microplastiche che arriva dai fiumi, soprattutto quelli più inquinati come il Sarno, ma cercherà di svelare anche come la ricerca prova a combattere questo preoccupante fenomeno, attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie in grado di impedire l’arrivo di microplastiche, ma anche di pulire il mare dalla plastica attraverso sistemi che riutilizzino i rifiuti plastici per convertirli in energia.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un orto in salute è ricco di biodiversità: dieci consigli per realizzarla (erbacce comprese)

next
Articolo Successivo

In Africa si ruba pesce per alimentare altro pesce

next