Gianluca Savoini, il leghista presidente dell’associazione Lombardia-Russia e uno degli indagati per corruzione internazionale nell’inchiesta milanese su presunti fondi russi alla Lega, ricorre al Riesame contro i sequestri effettuati a suo carico nel corso delle perquisizioni della Guardia di Finanza dei giorni scorsi come fa sapere l’avvocato Lara Pellegrini

Il termine per ricorrere al Riesame scadeva oggi. Il difensore, inoltre, ha spiegato che fino a ieri sera il telefono sequestrato a Savoini “non era ancora stato aperto” dagli investigatori, che successivamente dovrebbero analizzarne il contenuto e, dunque, verificare anche eventuali contatti in chat e messaggistica anche con il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini. Ovviamente il legale ha chiesto che, una volta che sarà completata l’analisi del telefono da parte degli investigatori, il cellulare venga restituito all’indagato. Con il ricorso la difesa avrà la possibilità di verificare gli elementi in mano alla Procura di Milano. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Serravalle, in appello Corte dei conti condanna Filippo Penati e gli altri: dovranno versare oltre 44 milioni

next
Articolo Successivo

Bibbiano, Ordine degli psicologi del Piemonte avvia approfondimenti su Foti: “Verificare se ha solo laurea in Lettere”

next