Si allarga la protesta degli atleti contro Sun Yang ai Mondiali di nuoto di Gwangju. Dopo l’australiano Mack Horton, che durante la cerimonia dei 400 stile libero si è rifiutato di salire sul podio con il cinese, oggi è stato il britannico Duncan Scott a inscenare una protesta simile durante la premiazione dei 200 metri stile libero vinti proprio da Sun Yang dopo la squalifica del lituano Danas Rapsys.

Scott, medaglia di bronzo ex aequo con il russo Martin Malyutin, a differenza di Horton è salito sul podio durante l’esecuzione dell’inno e la cerimonia delle medaglie ma poi si è rifiutato di stringere la mano di Sun e di farsi fotografare con lui, provocando così la reazione stizzita del cinese che, visibilmente alterato, gli ha urlato contro: “Sei un perdente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali nuoto 2019, continua la protesta contro Sun: Scott non gli stringe la mano e lui lo manda a quel paese

prev
Articolo Successivo

Mondiali Nuoto, Pellegrini vince i 200 stile a Gwangju: sesto successo iridato. Paltrinieri oro e record europeo negli 800 stile

next