Care navigatrici, cari navigatori,

questa mattina aprendo ilfattoquotidiano.it dal vostro computer o da cellulari e tablet, l’avete trovato diverso. Rinnovato. Speriamo più chiaro. Premessa: quello che vedete oggi non è il nostro assetto definitivo, ma l’inizio di un percorso. Una versione beta che arricchiremo e testeremo nel corso dell’estate per arrivare a un risultato compiuto a settembre, così da affrontare al meglio la nuova stagione, in cui ci saranno grandi novità per i nostri abbonati e sostenitori.

La scelta di cambiare il nostro vestito è estetica ma soprattutto funzionale: il sito cresce nei numeri, con una media utenti stabilmente sopra i 2 milioni e 200mila browser unici al giorno secondo Google Analytics. E cresce nei contenuti: seguiamo l’attualità affiancando costantemente l’approfondimento e abbiamo sempre più notizie esclusive, dalla politica all’economia, dalla giustizia ai diritti. Senza contare i verticali di tecnologia e motori, le storie dei cervelli in fuga e un’attenzione crescente alle tematiche ambientali. FqMagazine tiene ritmi vertiginosi e si sta affermando come brand autorevole di cultura e spettacolo, la sezione video affianca le produzioni esclusive al puntuale racconto dei fatti di cronaca, l’area blog permette il confronto delle idee (a volte opposte) in una piazza virtuale con oltre 600 blogger qualificati. Tutto sempre ai primi posti sui motori di ricerca e con risultati straordinari sui social.

Non solo. Su Ilfattoquotidiano.it vedete rappresentato tutto il mondo della Società editoriale Il Fatto (che proprio oggi si quota anche alla borsa di Parigi dopo il collocamento a Milano): le produzioni di Loft, i libri di Paper First, il mensile Millennium e soprattutto le notizie e le inchieste esclusive che trovate ogni giorno in edicola sul Fatto Quotidiano, di cui vi mostriamo degli estratti offrendo la possibilità di abbonarvi al giornale con promozioni vantaggiose.

La necessità, per una realtà così dinamica e in continua espansione, è quindi quella di dotarsi di un portale chiaro, moderno, capace di sintetizzare tutti questi mondi con nuove funzionalità e nuove possibilità stilistiche. A comandare su Ilfattoquotidiano.it, però, resteranno sempre e solo le notizie. Tutte quelle che troviamo. Senza nascondere nulla e, anzi, esponendo nel modo più chiaro e onesto possibile. Non siamo perfetti, anzi, facciamo molti errori. Quando ce ne rendiamo conto (o quando ce lo fanno notare i lettori) siamo pronti a scusarci.

Stateci vicino, se potete sosteneteci diventando utenti sostenitori (l’area riservata presto sarà fortemente arricchita e rinnovata) e soprattutto accompagnateci in questa fase di cambiamento, che per noi, dopo 9 anni, è un’occasione per crescere ancora e meglio.

Grazie
La redazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, la riforma M5S prevede abolizione di canone e tetto spot. Lega scettica: “Salvaguardare il servizio pubblico”

prev
Articolo Successivo

Andrea Rocchelli è morto per difendere la civiltà umana: il rischio più nobile

next