In Cina e Vietnam ha già provocato l’abbattimento di oltre un milione di capi di bestiame ed è stata identificata come la più grande epidemia animale della storia. E ora la peste suina africana – sempre letale per maiali e cinghiali selvatici ma non contagiosa per l’uomo – è arrivata anche in Bulgaria. Ieri sono stati registrati due nuovi focolai nelle regioni di Vratsa e Targovishte, nel nord del paese, portando a 17 il numero complessivo dei focolai nel Paese. Si tratta prevalentemente di animali non registrati, allevati nei cortili di persone private. I proprietari dei grandi allevamenti di maiali pertanto si sono detti molto preoccupati del fatto che la malattia potrebbe trasmettersi nei loro allevamenti ed hanno chiesto l’intervento delle autorità per bloccare l’eventuale inizio di un’epidemia. Squadre specializzate hanno ispezionato un perimetro di tre chilometri intorno ai diversi focolai e procedono all’eutanasia dei maiali contagiati.

Le autorità di Sofia hanno deciso di impiegare la polizia militare e la gendarmeria per il presidio fino a 10 chilometri intorno ai focolai di peste suina africana, mentre il controllo dei trasporti di carne ai valichi di frontiera sarà rafforzato. Il ministro dell’Agricoltura Dessilava Taneva ha dichiarato che sono stati aumentati di tre volte, fino a 150 lev (circa 75 euro) per ogni abbattimento, gli incentivi alla caccia di cinghiali selvatici che trasmettono anch’essi la malattia. Damyan Iliev, capo dell’Agenzia bulgara per la sicurezza alimentare (Babh), ha affermato che ci sono già stati casi di ritrovamento di carni suine provenienti dalle zone colpite nei bagagliai di automobili e pertanto le misure di controllo saranno prese congiuntamente con la polizia stradale. Per la peste suina africana non esistono cure o vaccini.

L’epidemia è esplosa in Cina ad agosto 2017 e ha provocato danni ingenti agli allevatori di Vietnam, Cambogia e Tailandia, che è il secondo produttore di carne di maiale in Asia. Un aumento di casi, scrive il Guardian, si è registrato anche in Mongolia, Corea del Nord e Hong Kong nelle ultime settimane, mentre la Corea del Sud ha avviato test sui maiali al confine. Secondo la Fao è possibile che l’ebola suina esploda anche in Birmania, Filippine e Laos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Monte Bianco, sul ghiacciaio si forma un lago. L’allarme dell’alpinista: “Colpa del caldo”

next
Articolo Successivo

Clima, il riscaldamento globale galoppa. Il caldo potrebbe davvero non lasciarci scampo?

next