Omosessuale” con un “compagno stabile“. E’ la specifica che un medico del pronto soccorso di Alessandria ha inserito nel referto di dimissioni di un paziente che si era presentato all’ospedale lamentando una forte emicrania e che era stato sottoposto ad accertamenti nel reparto di malattie infettive. La storia, con l’immagine del referto, è stata pubblicata dalla Stampa. Nel testo, per intero, si legge: “Fuma circa 15 sigarette al dì, beve saltuariamente alcolici. Nega allergie. Omosessuale, compagno stabile“. Una ricostruzione che l’ospedale conferma precisando però che non c’era nessun intendo di discriminazione anche perché “la raccolta di tali dati sensibili – si legge in una nota – rientra solo nel rapporto medico-paziente che è strettamente personale e tutelato dalla riservatezza della cartella clinica e di tutti i documenti in essa contenuti: infatti tutti i medici e il personale hanno il segreto d’ufficio oltre quello professionale“.

Ma resta, secondo il paziente, una questione di forma: “Il mio compagno era in camera con me e il medico ha chiesto a lui direttamente chi fosse. Ha risposto. Gli ha detto non proprio gentilmente di uscire dalla stanza. La prima cosa che poi ha domandato a me è stata: ‘Conferma che è il suo fidanzato?’. Penso che a marito e moglie nessuno chiederebbe mai questo tipo di conferma”. “Ciò che mi ha più infastidito è stata la lettera di dimissione – aggiunge – Alla terza riga è specificato che io sono omosessuale con compagno fisso. Cosa c’entra? Perché lo specifichi? È un dettaglio che posso decidere di tenere riservato, ma che adesso dovrò quantomeno condividere con il mio medico di base. E se lui non lo sapesse? E se io non volessi farlo sapere? Mi chiedo: ci sarà mai una anamnesi con scritto ‘eterossessuale con compagno stabile’?”.

Ma dall’altra parte l’azienda sanitaria si dice “molto dispiaciuta di leggere che un nostro paziente possa essersi sentito ‘discriminato‘ in un percorso di cura che prevede la raccolta di dati anamnestici finalizzati a curare nel miglior modo possibile il paziente”. Più precisamente: “L’anamnesi deve raccogliere tutte le informazioni personali e cliniche utili all’eventuale processo di cura. Dispiace che sia stata portata alla ribalta nazionale la Struttura di Malattie Infettive, dove vengono seguiti da anni centinaia di pazienti con vari orientamenti sessuali, senza alcun pregiudizio e senza che con alcuno siano mai evidenziati problemi, anzi il personale della Struttura collabora attivamente con le organizzazioni Lgbt della zona con riscontri sempre positivi”. L’azienda ospedaliera dà anche la sua disponibilità ad andare incontro “alla richiesta di rettifica del referto, anche se la stessa, come da nostra prassi è stata concordata al momento dell’anamnesi, quando il paziente ha voluto che il redattore sottolineasse alcuni aspetti e ne omettesse altri”.

Lunedì la direzione generale dell’ospedale incontrerà le organizzazioni Lgbt “per fare chiarezza sulla vicenda rinnovando la nostra volontà di collaborare per offrire il miglior contesto di cura a tutti i cittadini che ci scelgono”. Una riunione, conferma Stefania Cartasegna, presidente di Tessere Le Identità, associazione Lgbtqi di Alessandria che servirà a “discutere del protocollo che l’ente ospedaliero prevede per questo tipo di ricoveri e il tipo di informazioni che vengono rilasciate su documenti privati e pubblici”. L’associazione si attiverà con il reparto anche per proporre un percorso di sensibilizzazione sui temi dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere che coinvolga tutto il personale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padri separati, più tempo coi figli e meno soldi alle ex: come cambia il divorzio. L’inchiesta su FQ Millennium in edicola

next
Articolo Successivo

Vacanze, per i disabili partire non è un diritto. Poche strutture e aerei off limits per colpa di bagni inaccessibili

next