Stefano Marinoni, il 22enne scomparso lo scorso 4 luglio da Baranzate, in provincia di Milano, è stato ritrovato senza vita. Attorno alle 12 i carabinieri di Rho hanno trovato il suo corpo nelle campagne tra Rho e Arese, era sotto un traliccio con una frattura allo sterno. A meno di 300 metri c’era l’auto con cui era sparito.

Il cadavere, in avanzato stato di decomposizione a causa del caldo di questi giorni, non presenta segni evidenti di ferite e il medico legale è riuscito ad accertare solo la frattura ossea. Secondo i militari, è possibile che Marinoni si sia arrampicato sul traliccio e abbia deciso di lanciarsi nel vuoto. Se lo scenario dovesse essere confermato, la lesione potrebbe essere dovuta allo schianto al suolo. Sarà comunque l’autopsia a fornire ulteriori chiarimenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Imane Fadil, AdnKronos: “Morta per cause naturali, non è stata avvelenata”

prev
Articolo Successivo

Roma, disabile cade dalle scale in “residence” pagato dal Comune. “Ci sono tre ascensori, sono tutti rotti”

next